Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Marzo - ore 20.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Da Mastro Guglielmo a Federico III, Sarzana celebra la sua storia

Ad inizio anno cade l'anniversario del riconoscimento di "Città" anche dal punto di vista civile. Ponzanelli: "Vogliamo promuovere un patrimonio inestimabile". In programma due iniziative.

"città" da 550 anni
Da Mastro Guglielmo a Federico III, Sarzana celebra la sua storia

Sarzana - Val di Magra - Il 4 gennaio 1469 l'imperatore Federico III confermò i privilegi imperiali già concessi dai predecessori e riconobbe a Sarzana il rango di 'città' e di erede dell'antica Luni, completando dal punto di vista dell'amministrazione civile il processo avviato dall'autorità religiosa con la bolla di Papa Paolo II del 21 luglio 1465. Una ricorrenza, quella che cadrà fra due settimane, che tutta la comunità di appresta a celebrare con due appuntamenti, nell'ottica di una convinta valorizzazione del proprio passato storico e culturale, che l'amministrazione comunale e altre realtà sul territorio stanno portando avanti con dedizione.

Il diploma siglato dall'imperatore è conservato come vari altri documenti di epoca medievale e rinascimentale nell'Archivio storico comunale e costituisce una fonte storica di primaria importanza, ed è stato inserito nel progetto di ricerca dedicato agli imperatori del Sacro Romano Impero nel Medioevo (“Regesta Imperii”) curato dall'Università di Saarbrücken. Un documento che sarà al centro anche dell'incontro “Da Mastro Guglielmo a Francesco secondo Giotto – un viaggio nella storia e nella cultura di Sarzana”, in programma proprio il 4 gennaio nella sala consiliare di Palazzo Roderio e organizzato dall'associazione Caffè Letterario Ligustico con la collaborazione del Comune. L'iniziativa sarà incentrata sulla storia dell'arte sacra nel Medioevo a partire da un capolavoro tutto sarzanese come la croce di Mastro Guglielmo, e sarà direttamente collegata al tema dell'anniversario.

“La Croce di Mastro Guglielmo – spiega Cristina Ponzanelli - rappresenta un patrimonio inestimabile per la nostra città, non valorizzato sino ad oggi come dovuto. Sarzana vanta del resto un patrimonio storico, culturale e religioso unico che intendiamo promuovere oggi e domani ben più di ieri, anche insieme alla Diocesi della Spezia-Sarzana-Brugnato che ringrazio per aver già espresso l'intenzione di accompagnarci in questo cammino virtuoso. Già per il Natale abbiamo fortemente voluto investire, come amministrazione comunale, nel valorizzare e raccontare la Sarzana culturale e Cristiana: investendo sullo straordinario valore culturale di beni come il Presepe dei Fratelli Capuano e sulla riscoperta di luoghi unici come l'Oratorio di Santa Croce”.

Sulla giornata del 4 gennaio il sindaco aggiunge: “La più antica croce lignea dipinta di cui si conoscano autore e datazione è un orgoglio sarzanese e non può che collegarsi al tema del 550° del diploma con cui l'imperatore Federico III riconobbe a Sarzana il rango di città e di erede dell'antica Luni. Insieme all'associazione del Caffè Letterario Ligustico, che ringrazio, abbiamo pensato nei mesi scorsi di organizzare quest'incontro insieme a uno dei più importanti storici italiani, Roberto Filippetti, per un vero e proprio viaggio nella storia, nell'arte e nella cultura di Sarzana, la “Città dei Tre Papi”. Un omaggio a tutti i sarzanesi e alla nostra storia straordinaria. Vi aspettiamo numerosi in sala consiliare.”

Il giorno precedente, giovedì 3 gennaio alle ore 16.30, si svolgerà invece presso il loggiato di Gemmi l'incontro “Sarzana, il papato, l'impero”, organizzato dall'Istituto Internazionale di Studi Liguri - Sezione Lunense e il Museo Diocesano di Sarzana. In questa occasione illustri storici inquadreranno l'avvenimento di cui ricorre l'anniversario nel contesto storico politico del 400' a Sarzana. Introdurrà Egidio Banti, presidente del Centro Studi Niccolò V, poi Eliana M. Vecchi, dell'Istituto Internazionale Studi Liguri, terrà una conversazione sul tema "Federico III e Sarzana - L'elevazione imperiale a Città", mentre Franco Bonatti, dell'Accademia Lunigianese G.Capellini, si soffermerà su "Sarzana dai Campofregoso alla Repubblica di Genova". In conclusione la storica dell'arte Barbara Sisti illustrerà criticamente il grande dipinto ottocentesco del sarzanese Luigi Belletti che adorna il lato sinistro dell'abside della Cattedrale e raffigura l'incoronazione dell'Imperatore Federico III da parte del Papà sarzanese Niccolò V, proprio i due principali protagonisti delle vicende storiche di quegli anni.

Prosegue dunque, su un percorso già tracciato in questo periodo natalizio, la collaborazione fra istituzioni culturali e religiose e quella civica, che oltre a trovare una sinergia ancora più solida e costruttiva, in tempi brevi potrebbe portare anche ad un progetto di valorizzazione umanitaria di un patrimonio unico, in grado di caratterizzare Sarzana anche dal punto di vista turistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News