Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Giugno - ore 16.52

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

“Museo Diocesano pronto per un nuovo percorso compiuto e coerente”

Presentato il restauro dell'opera di Merano.

arte sacra a sarzana
“Museo Diocesano pronto per un nuovo percorso compiuto e coerente”

Sarzana - Val di Magra - “E' giunto il momento che il Museo Diocesano avvii la sua seconda fase iniziando un percorso di respiro più ampio e articolato che abbracci anche altri luoghi e tesori di arte sacra della città”. Così il presidente Paolo Bufano durante la presentazione odierna del restauro del “Compianto corpo di Cristo” di Giovanni Battista Merano, opera che andrà nella sala del Preziosissimo Sangue nel museo di piazza Firmafede.

La “fase 2.0” proposta da Bufano toccherebbe le sagrestie della Cattedrale “consentendo la fruizione dei tesori che sono lì conservati e che hanno visto la luce finora soltanto ogni quindici/venti anni” e consentirebbe una “più consapevole fruizione” del crocifisso di Mastro Guglielmo - la croce lignea firmata e datata più antica del mondo – per poi raggiungere l’Oratorio di Santa Croce prima di approdare alla Pieve di Sant’Andrea. “Non solo per apprezzarne i contesti di rilevanza archeologica – ha sottolineato - ma anche per vederla restituita, secondo un’intuizione di Piero Donati e del nostro stesso direttore, agli splendori del ‘500, mediante la ricollocazione delle opere pittoriche e scultoree che la arricchivano e che l’austero restauro degli anni ’70 ha discutibilmente inteso rimuovere e disperdere”.

Un percorso auspicato anche dallo storico dell'arte della Soprintendenza Massimo Bartoletti che nel corso della presentazione alla Sala Tamburi ha evidenziato come “L'inserimento in Santa Croce sarebbe fondamentale anche per la tutela delle opere lignee”. In merito alla tela da lui attribuita al genovese Merano, ha evidenziato come non sia nota agli studi e come l'autore sia stato molto attivo anche a Parma e Piacenza anticipando anche parte degli stili successivi.

Il responsabile diocesano dei beni culturali Don Paolo Cabano ha invece posto l'accento sull'importanza dell'8x1000 che permette anche di destinare quote al finanziamento di interventi di restauro come questo. “Purtroppo non ci sono altri contributi pubblici – ha detto – e i fondi della Cei sono certi e rendicontati al millesimo. L'Italia è un museo diffuso a cielo aperto che i governi dovrebbero tutelare e salvare facendolo rendere al meglio. Il percorso auspicato da Bufano sarebbe molto importante, intanto a luglio inaugureremo a Santo Stefano un rarissimo armonicorde del 1858”.

Si è invece soffermato sulla significativa collaborazione dell'istituto Parentucelli-Arzelà e dei finanziatori privati, il direttore don Maurizio Marchini: “Grazie a questi restauri – ha affermato – il piccolo Museo Diocesano inizia ad avere un nucleo di opere seicentesche davvero notevoli. La cordata di solidarietà dei professionisti è stata un segnale molto importante che ha permesso di salvare un'opera e di renderla fruibile”.
A ripercorrere le fasi del restauro dell'opera è stata infine Claudia Crocini che aveva curato anche il dipinto “Pietà di San Giovanni Evangelista e la Maddalena”. Un intervento partito da una buona conservazione complessiva e che ha fatto emergere restauri precedenti ma anche piccoli fori curati dalla professionista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'opera restaurata Benedetto Marchese


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News