Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Agosto - ore 16.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Il teatro è di tutti", Valentina Lodovini apre la stagione degli Impavidi

Presentato il programma sarzanese che partirà il 21 febbraio. Ponzanelli e Cerri: "Sarà un luogo aperto, inclusivo e di qualità".

Ci saranno anche Barra, Zingaretti e Piccolo
"Il teatro è di tutti", Valentina Lodovini apre la stagione degli Impavidi

Sarzana - Val di Magra - Valentina Lodovini con “Tutta casa, letto e chiesa”, il prossimo 21 febbraio inaugurerà la nuova stagione del Teatro degli Impavidi, nata attraverso il bando per l'affidamento della gestione fortemente voluto dal sindaco e affidata all'associazione Gli Scarti che ha curato il cartellone insieme ai partner del progetto (Cooperativa Zoe, Consorzio Cometa, Isforcoop, Scuola di Danza 4° Movimento, ASD Les Mobiles, Confesercenti) e con il sostegno di Mibact e Uffico Scolastico Provinciale. Un programma presentato questa mattina in un'affollata conferenza stampa che ha visto la partecipazione delle tante persone che hanno messo a disposizione contatti ed esperienze personali contribuendo alla realizzazione del calendario che si chiuderà il 25 giugno con il “Sarzana Opera Festival”.

“Siamo orgogliosi di essere qui – ha affermato Cristina Ponzanelli – dopo un percorso che è passato da un bando che ha tenuto in considerazione qualità e diversificazione. Abbiamo stanziato una cifra che consente inoltre un netto risparmio rispetto all'ultima stagione e siamo contenti di essere riusciti ad individuare un soggetto di grande qualità. Cultura e teatro sono di tutti – ha aggiunto – e ringrazio Andrea Cerri per l'entusiasmo col quale ha affrontato il bando. A questa stagione si aggiungeranno anche gli eventi che studieremo con il comitato di indirizzo e i progetti che usciranno dalle call for ideas”.

“L'immagine che vogliamo – ha sottolineato il direttore artistico – è quella di un teatro aperto a tutte le realtà cittadine, nazionali ed internazionali. Il nostro approccio è stato quello di dare vita ad un luogo che tutti potessero sentire come uno spazio proprio. Il programma – ha ricordato Cerri – spazia fra vari generi e linguaggi e speriamo che la città risponda in maniera positiva e partecipata abbonandosi e sostenendo la nostra campagna “I nuovi Impavidi” (il loro nome sarà posto anche su una targa) facendo così del teatro un centro propulsivo per la rinascita culturale della città”.
“Sono onorata e felice di essere qui – ha concluso Chiara Chilgren, consulente musicale – i miei avi hanno messo le prime pietre di questo teatro e spero che presto possano essere condivisi anche alcuni pezzi di archivio sulla storia di questo luogo. Mi fa piacere anticipare che il prossimo novembre porteremo in scena un manoscritto inedito che rappresenta l'unica opera al mondo ambientata nelle nostre zone. Ringrazio fra gli altri anche l'associazione Armadillo Club e Carmen Bertacchi per la collaborazione che hanno fornito per la realizzazione della parte musicale”.

IL PROGRAMMA
Come detto dunque si partirà il 21 di febbraio con la cerimonia di apertura alle 18.30 in Piazza Garibaldi, una festa di piazza e popolare dove verrà dato il via alla riapertura del teatro, seguirà un brindisi e poi alle 21.00 subito il primo appuntamento di prosa con Valentina Lodovini. La giovane ma già notissima attrice di cinema, vincitrice del David di Donatello, porterà in scena, attualizzandolo, “Tutta casa letto e chiesa” un testo ormai divenuto un classico di Dario Fo e Franca Rame (che in passato lo aveva già presentato agli Impavidi), che riesce a far ridere e al tempo stesso riflettere sulla condizione femminile.

Si prosegue il 27 febbraio con Antonella Questa, attrice di teatro dalla grande verve comica. La sua è una narrazione giocata sul doppio registro, drammatico e comico, con una comicità graffiante e incisiva che cerca di spazzare via i pregiudizi sul tema trattato. Porterà in scena il suo nuovo e ultimo successo “Infanzia Felice”. Una grande protagonista del cinema, della tv e del teatro italiano, sarà ospite in una serata dedicata alla festa delle donne il Sabato 9 marzo: Ottavia Piccolo, tra le maggiori attrici italiane. Nella sua lunga carriera ha lavorato con i più grandi registi italiani ed è stata protagonista di sceneggiati e fiction TV di grande popolarità su Rai e Mediaset. Porterà in scena “Donna non rieducabile” uno spettacolo dedicato ad Anna Politkovskaja, giornalista russa assassinata, scritto da Stefano Massini uno dei maggiori drammaturghi contemporanei. Il 18 marzo un altro grande protagonista del panorama italiano, amatissimo dal grande pubblico, Luca Zingaretti, porterà a Sarzana, città al quale è legato dagli inizi della sua carriera, lo spettacolo tratto dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, “La Sirena”, di cui l’attore firma anche la drammaturgia e la regia.

Il 26 marzo arriva un grande classico di Pirandello (“Uno nessuno e centomila”) portato in scena da uno straordinario Enrico Lo Verso, attore di grande talento. Lo spettacolo si è aggiudicato il prestigioso Premio Franco Enriquez 2017 e il Premio Delia Cajelli per il Teatro 2018. Agli Impavidi approderà poi l’8 di aprile una delle compagnie più apprezzate della scena italiana Carrozzeria Orfeo, con il suo “teatro pop” d’ispirazione anglosassone. La compagnia è composta da straordinari attori come Beatrice Schiros (Premio Mariangela Melato come miglior attrice italiana). Si è aggiudicata numerosi premi e porterà a Sarzana l’esilarante e caustico “Animali da Bar”.

L’ultimo appuntamento della prosa (18 aprile) vedrà l’incontro tra il giovane ma già notissimo Gianmarco Saurino e Stefano Sabelli, attore di teatro e cinema di lunga carriera e grande esperienza. In scena un riadattamento del celebre romanzo di Melville “Moby Dick”.

Per la parte di drammaturgia contemporanea saranno protagonisti degli appuntamenti “sarzanesi” della prestigiosa rassegna spezzina Fuori Luogo: Enrico Casale con Faustbuch, spettacolo che vede in scena attori con disabilità, frutto di un percorso laboratoriale d’integrazione, portato avanti negli anni dal regista (premiato con la menzione speciale al Premio Scenario a Santarcangelo Festival) e Deflorian/Tagliarini una delle compagnie italiane più premiate e rappresentate in Italia e all’estero con “Il cielo non è un fondale” (Spettacolo Premio Ubu 2017).

Per il cartellone musicale si parte domenica 24 febbraio alle ore 18.30 con il Concerto per pianoforte di Sarah Giannetti, pianista originaria di Sarzana, con all’attivo un' intensa attività in prestigiose sale da concerto e festival pianistici internazionali. Proporrà un percorso da Clementi e Beethoven, fino a Chopin. Il 13 marzo alle ore 21.00 sul palco degli Impavidi due grandissimi artisti di fama internazionale, Michael Manring, “the hottest bassist today” come è stato definito da molti giornalisti e Alessandro Finazzo, in arte Finaz, co-fondatore, co-autore e chitarra “virtuosa e solitaria” della Bandabardò Il 13 aprile un grande ritorno a Sarzana: La voce straordinaria e il talento unico di Peppe Barra in “Cammina Cammina” un repertorio di canzoni che si intreccia con quello comico e grottesco dei monologhi e delle parodie. Un crescendo di emozioni dove la lingua napoletana è protagonista a rafforzare il significato dei testi. Il 20 aprile una delle poche date italiane del tour europeo degli americani The Long Ryders, una delle band cult della scena “Paisley Underground” insieme a band come The Dream Syndicate o The Bangles (e veri e propri padri del termine “Americana”) – evento in collaborazione con Otis Tours. Aprirà il concerto Eil Marchini, musicista originario di Sarzana e cresciuto in giro per il mondo, ha iniziato a registrare e produrre musica prima in Inghilterra, poi in Australia.

Il 18 maggio un concerto unico con una grande protagonista: l’arpa, con il Venice Duo Harp delle straordinarie arpiste Eleonora Volpato e Ilaria Bergamin. Il 25 maggio un altro gradito ritorno a Sarzana con il chitarrista Beppe Gambetta e il suo “Oudu de ma mesciou de persa legia” – Spettacolo sulla Poesia e la metafora del cibo nelle canzoni di Fabrizio de André. Dal 25 giugno sarà invece di scena il Sarzana Opera Festival/Premio Spiros Agiris– organizzato da Amici del Loggiato/Gemmi – ormai uno dei premi più importanti a livello italiano per i nuovi talenti della lirica. E’ in cantiere inoltre una programmazione di concerti nel ridotto del teatro in collaborazione con le più importanti e radicate associazioni musicali del territorio, e una produzione di un’operina inedita: “Il Matrimonio Inaspettato”, dramma giocoso in due atti di Giovanni Paisiello basato su un libretto di Pietro Chiari, rappresentata per la prima volta nel novembre 1779 al Kammenïy Ostrov di San Pietroburgo.

Nel cartellone anche spazio al teatro per bambini e famiglie con la rassegna “I piccoli Impavidi” che vedrà 3 appuntamenti imperdibili, la domenica pomeriggio alle 17.30 con compagnie premiate a livello nazionale: il 24 marzo si partirà con “Domino” della compagnia Generazione Eskere (Menzione speciale Premio Scenario Infanzia 2018). Il 14 aprile “La Stanza dei giochi” di Scena Madre (Spettacolo Premio Scenario Infanzia 2015) e il 5 maggio con l’esilarante “Sandokan” della storica compagnia toscana I sacchi di sabbia

Aspettando l’inaugurazione, saranno organizzate a cura della Cooperativa Zoe alcune visite guidate al teatro dal titolo "Impavide voci" Voci diverse si alternano e si intrecciano in una visita guidata esperienziale, alla scoperta del Teatro Impavidi e della sua storia.

Oltre agli spettacoli il teatro ospiterà nei prossimi mesi attività laboratoriali d’integrazione di persone con diverse abilità in collaborazione con il Consorzio Cometa, La Missione di Sarzana, ASD Les Mobiles e nella parte autunnale verranno presentati al pubblico gli esiti finali. In estate e nel prossimo autunno partirà inoltre la programmazione di formazione e di spettacoli di danza in collaborazione con la Scuola 4° Movimento.


GLI ABBONAMENTI
I prezzi degli abbonamenti vanno da un massimo di 160€ per i 7 spettacoli di prosa nel primo settore, con riduzioni progressive a seconda del settore e con forti agevolazioni per studenti e per gli over 65, i Cral e altri enti convenzionati. L’abbonamento maxi (9 spettacoli) costerà al massimo invece 180€ nel primo settore e poi a scalare. Il biglietto singolo della Prosa va da un massimo di 27€ (per il primo settore) a un minimo di 8€. Per la musica si parte da un massimo di 15€ per l’intero e a riduzioni progressive fino ai 5€ per i bambini (ad eccezione degli spettacoli di Peppe Barra e The Long Ryders che hanno prezzi differenti) Per la rassegna “i piccoli impavidi” 8€ gli adulti e 5€ i bambini.
La biglietteria aprirà dal 30 gennaio e resterà aperta tutte le mattine (da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12.30 – il giovedì anche il pomeriggio dalle 16 alle 19. Per informazioni e prenotazioni il numero è 346-4026006, la mail teatroimpavidi@associazionescarti.it – sito web www.teatroimpavidisarzana.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News