Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Settembre - ore 09.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Fino al cuore della rivolta", dal 2 al 6 agosto per la 15esima edizione

Artisti per la Resistenza
"Fino al cuore della rivolta", dal 2 al 6 agosto per la 15esima edizione

Sarzana - Val di Magra - Anche questa estate è arrivato il momento di una nuova edizione del festival “Fino al cuore della rivolta”, giunto, ormai alla sua quindicesima edizione. Questa manifestazione è divenuta, con il passare degli anni, il più importante festival nazionale dedicato alla Resistenza, un evento apprezzato e consolidato che attira moltissimi ospiti anche da fuori regione. L’impresa ha sempre più del “miracoloso”, sia per come viene realizzata dai volontari dell’associazione Archivi della Resistenza con totale spirito di gratuità (dopo una riduzione drastica dei finanziamenti è rifiorita grazie a iniziative di autofinanziamento e da due anni grazie al contributo della Regione Toscana), sia per l’entusiasmo che suscita presso un pubblico affezionato e pertinace, ma anche assai eterogeneo (soprattutto in termini anagrafici). Il miracolo è soprattutto nell’aver saputo vincere la sfida culturale di proporre (in una stagione più incline alla disaffezione) un evento legato ai valori dell’Antifascismo e della Resistenza, che sapesse riscuotere successo e suscitare entusiasmo presso le giovani generazioni. Infatti, come è ormai consuetudine, il festival viene ambientato nella suggestiva cornice del Museo audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (MS), che nei cinque giorni di musica, dibattiti, teatro e poesia dedicati alla Resistenza, si anima di una partecipazione straordinaria. Forse uno dei fattori che hanno contribuito maggiormente al successo della iniziativa è che gli eventi si svolgano nel bel mezzo di un bosco di castagni secolari, sede di una colonia per bambini realizzata dai partigiani nel dopoguerra e trasformata a fine anni Novanta nel primo museo multimediale della Resistenza italiana, che ci sia la presenza degli ultimi testimoni e che tutto questo suggerisca al pubblico una simbolica salita ai monti, proprio «fino cuore della rivolta».
Anche quest’anno il programma, che si svolgerà dal 2 al 6 agosto 2019, sarà ricco di spettacoli e di importanti nomi del panorama artistico nazionale: per la prima volta vedremo sul palco Andrea Appino cantautore, chitarrista e frontman del gruppo toscano Zen Circus. Tra le novità del festival ci sarà anche un gruppo leggendario gli Skiantos, che nella Bologna del 1977 inventarono il rock demenziale e che avranno sul palco a sostiuire l’indimenticabile Frak Antoni un cantante eccentrico come Nevruz, protagonista di una delle prime edizioni di XFactor. Tornerà poi ad animare il festival la simpatia del cantautore livornese Bobo Rondelli ma per la prima volta arriverà a Fosdinovo con il gruppo che negli anni Novanta lo ha reso famoso: gli Ottavo Padiglione della hit “Ho picchiato la testa”, inoltre presenterà il suo libro, appena uscito per Mondadori, “Tu cos’hai da guardare?”. Un attesissimo evento, costruito appositamente per il festival, è quello che vede due dei principali cantautori della stagione dell’impegno: Ricky Gianco, Gianfranco Manfredi insieme a uno dei più importanti gruppi italini del rock folk: Yo Yo Mundi insieme a Maurizio Camardi. Sarà la prima volta anche per l’attrice e cantautrice Angela Baraldi. Inoltre molti ritorni di alcuni degli artisti italiani più impegnati: Stefano “Cisco” Bellotti ex Modena City Ramblers che presenterà il nuovo album Indiani e cowboy, Moni Ovadia che presenterà un intervento dal titolo: Contro il privilegio. Il lascito di Primo Levi, per i cento anni dalla nascita dello scrittore, Mara Redeghieri che presenterà il nuovo progetto Futura umanità: canti e poesie di libertà e rivolta e le De’ Soda Sisters, che presenteranno il loro nuovo disco dl titolo Arriverà l’estate?. Non mancheranno poi, come da tradizione per il festival, alcuni personaggi imprescindibili e lo scrittore Maurizio Maggiani con le sue narrazioni orali e lo storico Angelo D’Orsi con un editoriale dal palco. Inoltre l’edizione di quest’anno prevede due grandi omaggi a Ivan Della Mea (per i dieci anni dalla scomparsa) e a Paolo Ciarchi, il geniale rumorista mattatore del festival, che ci ha lasciato lo scorso giugno. Gli omaggi saranno fatti da Alessio Lega e Rocco Marchi insieme a Davide Giromini, Marco Rovelli, Rudi, Assuntino, Sandra Boninelli, Pardo Fornaciari, Isabella Cagnardi, Silvia Malaguggini. Durante il festival verrà presentato anche il cd Cent’anni di moltitudine, con le canzoni Paolo Ciarchi scritte insieme a Dario Fo. Uno spazio importante è quello dedicato ai dopospettacoli che concluderanno le cinque serate del festival: le nuove proposte quest’anno sono I Pixel, Jonathan Lazzini con il monologo “Marx a Soho” di Howard Zinn, Loving, Rosemary, Sam-B e Lunokhod.
Non mancheranno momenti di approfondimento e discussione su vari temi, con esperti  e testimoni di grandissima levatura intellettuale: Angelo d’Orsi (Università di Torino) , Cesare Bermani (il fondatore della storia orale in Italia), Mimmo Franzinelli, i fotografi Tano D’Amico e Uliano Lucas, Paolo De Simonis, Paolo Pezzino (Presidente degli Istituto Ferruccio Parri di Milano- rete INSMLI), Filippo Colombara, Matteo Dominioni (storico del colonialismo), Marco Palla (Università di Firenze), Davide Conti (consulente Archivio storico del Senato della Repubblica), sarò presente la Vicepresidente della Regione Toscana e assessora alla Cultura Monica BarniStefano, inoltre Arrighetti (presidente dell’Istituto Ernesto de Martino) e i cantori amici di Ivan Della Mea e Paolo Ciarchi: Rudi Assuntino, Pardo Fornaciari, Sandra Boninelli, Isabella Cagnardi, Alessio Lega, Davide Giromini, Marco Rovelli. Inoltre interverranno i rappresentanti di Ri-Maflow Fabbrica Liberata. Ogni pomeriggio ci saranno dibattiti e momenti di approfondimento che vedranno la partecipazione sia di illustri esperti e studiosi nel campo storico e antropologico, sia di testimoni che hanno vissuto in prima persona le vicende storiche trattate. Alcuni di questi dibattiti saranno incentrati su temi classici della storiografia, di cui in quest’anno cade l’anniversario, come il Biennio Rosso (1919-1920), i cent’anni dalla nascita del fascismo, l’Autunno caldo raccontato dai fotoreporter del tempo e dagli storici, l’impresa di Fiume e la questione del confine orientale. Si tratterà poi l’uso pubblico della storia e del dibattito attuale sull’antifascismo, ma anche del colonialismo italiano  con la Guerra d’Etiopia e le politiche della memoria e i “Paesaggi della memoria”. Il dibattito di domenica pomeriggio sarà interamente dedicato a Ivan Della Mea e Paolo Ciarchi. Ogni giorno dibattiti a partire dalle ore 16.30

Il festival è a cura dell’associazione Archivi della Resistenza - Circolo Edoardo Bassignani e delle sezioni ANPI di Sarzana, Carrara, Villafranca-Bagnone, Lerici, Ortonovo, Fosdinovo, Castelnuovo Magra, Massa - Sez. Patrioti Apuani, tutti facenti parte del Comitato Sentieri della Resistenza. E ha il patrocinio di Regione Toscana, Province di Massa Carrara e della Spezia, dei Comuni di Fosdinovo, Carrara, Sarzana, Castelnuovo Magra, Massa e La Spezia, Proloco di Fosdinovo, Arci Massa Carrara e Val di Magra, Rete Museale Terre dei Malaspina e delle Statue Stele. Hanno poi collaborato importanti festival, associazioni e centri di ricerca: Istituto Ernesto de Martino di Sesto Fiorentino (FI), Fondazione Ignazio Buttitta di Palermo, Circolo Gianni Bosio di Roma, Lega di Cultura di Piadena (PC), Istituto Alcide Cervi (RE), Asociacion de Amigos de las Brigades Internacionales, Associazione Italiana di Storia Orale, Paesaggi della Memoria, Istituto Spezzino per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, gli Istituti Storici della Resistenza Toscano e Apuano, Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti per la Spagna (AICVAS), Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti (ANPPIA), Scuola Abreu per Aulla, ValSusa FilmFest, Rete del caffè sospeso, Blanca Teatro, Associazione Raglio Forte, Ri-Maflow - Fabbrica recuperata, Il Cantastorie online, VAB sez. Giucano. Inoltre attraverso il crowdfunding hanno partecipato altri soggetti: RitrovArci di Canepari, Spinta dal Bass No Tav. Infine Contatto Radio – Popolare Network è, come ogni anno, la radio ufficiale del festival.
Al museo saranno dedicati molti momenti durante l’intero festival, come le aperture straordinarie e domenica ci sarà un pranzo sociale di autofinanziamento.



Venerdì 2 agosto La prima giornata di festival si apre alle 16.45 con il consueto saluto delle istituzioni e la presentazione dell'iniziativa. Alle 18 si inaugura la serie dei dibattiti con un incontro dedicato a una riflessione sui luoghi e sulle politiche della memoria in Italia, dal titolo “Orizzonti della memoria: tre politiche e territori”. Interverranno Monica Barni (Vice Presidente a Assessore alla cultura della Regione Toscana), Paolo Pezzino (Presidente Istituto Nazionale e Ferruccio Parri - INSMLI), Paolo De Simonis (IDAST - Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia Orale in Toscana). Saranno presenti altri rappresentanti dei musei che partecipano al progetto www.paesaggidellamemoria.it. La prima serata del festival si apre con Maurizio Maggiani che presenterà una narrazione orale dal titolo “La strada, la lotta, l’amore”. A seguire sarà sul palco Andrea Appino, cantautore, chitarrista e frontman della band toscana Zen Circus. Alle 23:00 saranno sul palco le De’ Soda Sisters che presenteranno il loro terzo disco “Arriverà l’estate?”. La serata proseguirà con il dopospettacolo affidato agli spezzini I Pixel.
VENERDì 2 AGOSTO
Ore 16.45
Presentazione dell’iniziativa e saluto delle istituzioni e delle associazioni

Ore 18.00
Dibattito/1
“Orizzonti della memoria: tre politiche e territori”
Interverranno monica Barni (Vice Presidente a Assessore alla cultura della Regione Toscana), Paolo Pezzino (Presidente Istituto Nazionale e Ferruccio Parri - INSMLI), Paolo De Simonis (IDAST - Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia Orale in Toscana). Saranno presenti altri rappresentanti dei musei che partecipano al progetto www.paesaggidellamemoria.it

Ore 21.00
Maurizio Maggiani
“La strada, la lotta, l’amore”


Ore 22.00
Appino (Zen Circus)
“In Concerto”
con Andrea Appino (voce e chitarra)

Ore 23.00
De’ Soda Sisters
“Arriverà l’estate?”
con Lisa Santinelli (voce, mandolino), Benedetta Pallesi (voce, chitarra, kazoo), Veronica Bigontina (voce, tamburello, cucchiai, grattugia e nacchere)
Dopo spettacolo/1
I Pixel
Andrea Briselli (voce e chitarra), Alex Ferri (chitarra e tastiera), Nicola Giannarelli (basso), Marco Curti (batteria), Davide Bellazzini (chitarre e cori)

Sabato 3 agosto La giornata di sabato ha inizio con il dibattito dal titolo Ancora antifascismo? Un dibattito attuale?in cui parteciperanno: Paolo Pezzino (Presidente Istituto Nazionale Ferruccio Parri – INSMLI), lo storico Mimmo Franzinelli (Fondazione “Rossi-Salvemini”, Firenze), Mirco Carrattieri (Museo della Repubblica di Montefiorino e della Resistenza). Seguirà un altro dibattito chiamato: Colonialismo italiano: la conquista d’Etiopia (1935-1941) tra carte d’archivio e voci di soldati?con lo storico del colonialismo Matteo Dominioni e lo storico orale dell’Istituto Ernesto de Martino Filippo Colombara. Coordina Paolo De Simonis (IDAST - Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia Orale in Toscana). La serata inizierà alle 21.00 con Mara Redeghieri che presenterà il suo nuovo progetto dal titolo: “Futura umanità”. Seguirà poi Cisco, ex frontman dei Modena City Ramblers che salirà sul palco con il suo nuovo cd “Indiani e cowboy”. Il dopo spettacolo sarà a cura di Jonathan Lazzini che presenterà il monologo “Marx a Soho” di Howard Zinn accompagnato da Daniel Leix-Palumbo alle tastiere.


SABATO 3 AGOSTO

Ore 16.30?Dibattito/2?
Ancora antifascismo? Un dibattito attuale?Paolo Pezzino (Presidente Istituto Nazionale Ferruccio Parri – INSMLI), Mimmo Franzinelli (Fondazione “Rossi-Salvemini”, Firenze), Mirco Carrattieri (Museo della Repubblica di Montefiorino e della Resistenza)
Ore 18.00?Dibattito/3?
Colonialismo italiano: la conquista d’Etiopia (1935-1941) tra carte d’archivio e voci di soldati?con Matteo Dominioni (storico), Filippo Colombara (storico orale - Istituto Ernesto de Martino). Coordina Paolo De Simonis (IDAST - Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia Orale in Toscana)
Ore 21.00
Mara Redeghieri
“Futura umanità”
con Mara Redeghieri (voce), Lorenzo Valdesalici (chitarra), Nicola Bonacini (contrabbasso)
Ore 22.00
Cisco
"Indiani e Cowboy"
presentazione del nuovo cd con Stefano “Cisco” Bellotti (voce e chitarra), Simone Copellini (tromba), Max Frignani (chitarre), Bruno Bonarrigo (basso), Kaba Cavazzuti (batteria)
Dopo spettacolo/2
Jonathan Lazzini
“Marx a Soho” di Howard Zinn
monologo con Jonathan Lazzini (voce recitante), Daniel Leix-Palumbo (tastiere)

Domenica 4 agosto La giornata di domenica avrà inizio con il pranzo sociale di sottoscrizione per il festival (per informazioni e prenotazioni al 339.3482891) con sorprese musicali. Durante il pranzo intervento di operai e operaie della RiMaflow, che racconteranno il progetto della fabbrica liberata a Trezzano sul Naviglio (MI). Seguiranno poi dalle ore 16:30 il dibttito nel borgo di Fosdinovo dedicato a Ivan Della Mea (a dieci anni dalla scomparsa) e Paolo Ciarchi (scomparso nel giugno scorso) dal titolo: “Ivan Della Mea e Paolo Ciarchi: “se qualcuno vi fa morti”, interverranno Cesare Bermani (storico orale - Istituto Ernesto de Martino), Stefano Arrighetti (Presidente Istituto Ernesto de Martino), Alessio Lega (cantautore e autore della biografia “La nave dei folli. Vita e canti di Ivan Della Mea”, Agenzia X, 2019), Gianfranco Azzali “Micio” (Lega di cultura di Piadena), Paolo De Simonis (IDAST). Parole e canzoni di Rudi Assuntino, Sandra Boninelli, Pardo Fornaciari, Marco Rovelli, Davide Giromini. Il dibattito è anche l’occasione per presentare il cd (pubblicato per l’occasione) di Paolo Ciarchi “Cent’anni di moltitudine”, a cura di Alessio Lega, Claudio Cormio e Rocco Marchi, prodotto da Archivi della Resistenza e Istituto Ernesto de Martino. Alle ore 18.30 ci sarà la Camminata per i sentieri della Resistenza dedicata a Ivan Bernardini a cura del Comitato Sentieri della Resistenza. Partenza dal borgo di Fosdinovo, arrivo al Museo Audiovisivo della Resistenza. Tempo previsto 45 minuti (per il ritorno sarà disponibile un servizio navetta fino al borgo di Fosdinovo). La serata ha inizio con l’immancabile “editoriale dal palco” dello storico Angelo D’Orsi. Seguirà l’Omaggio a Paolo Ciarchi con presentazione del cd “Cent’anni di multitudine”, con Isabella Ciarchi, Alessio Lega e Rocco Marchi con Davide Giromini, Marco Rovelli, Rudi Assuntino. Seguirà un evento molto atteso e realizzato appositamente per il festival: due dei principali cantautori della stagione dell’impegno Ricky Gianco e Gianfranco Manfredi nello spettacolo “Suoni ribelli”, insieme a Maurizio Camardi con gli Yo Yo Mundi. Il dopo spettacolo di domenica è affidato ai Loving, Rosemary con Alessio Russo Fiorillo (chitarra), Michele Bertolini (chitarra), Giovanni Pacifico (batteria), Tiziana Preka (basso), Nicole Arcidiacono (voce).

DOMENICA 4 AGOSTO
Ore 12.30 - Museo Audiovisivo della Resistenza
Pranzo sociale di sottoscrizione per il festival
(info e prenotazioni al 339.3482891) con sorprese musicali. Durante il pranzo intervento di operai e operaie della RiMaflow, che racconteranno il progetto della fabbrica liberata a Trezzano sul Naviglio (MI)
Ore 16.30 - Piazza Matteotti - Fosdinovo?
Dibattito/4
?Ivan Della Mea e Paolo Ciarchi: “se qualcuno vi fa morti” interverranno Cesare Bermani (storico orale - Istituto Ernesto de Martino), Stefano Arrighetti (Presidente Istituto Ernesto de Martino), Alessio Lega (cantautore e autore della biografia “La nave dei folli. Vita e canti di Ivan Della Mea”, Agenzia X, 2019), Gianfranco Azzali “Micio” (Lega di cultura di Piadena), Paolo De Simonis (IDAST). Parole e canzoni di Rudi Assuntino, Sandra Boninelli, Pardo Fornaciari, Marco Rovelli, Davide Giromini. Il dibattito è anche l’occasione per presentare il cd (pubblicato per l’occasione) di Paolo Ciarchi “Cent’anni di moltitudine”, a cura di Alessio Lega, Claudio Cormio e Rocco Marchi, prodotto da Archivi della Resistenza e Istituto Ernesto de Martino.
Ore 18.30 - Borgo di Fosdinovo - Museo Audiovisivo della Resistenza?
Camminata per i Sentieri della Resistenza dedicata a Ivan Bernardini
a cura del Comitato Sentieri della Resistenza. Partenza dal borgo di Fosdinovo, arrivo al Museo Audiovisivo della Resistenza. Tempo previsto 45 minuti (per il ritorno sarà disponibile un servizio navetta fino al borgo di Fosdinovo)
Ore 21.00 - Museo Audiovisivo della Resistenza
Angelo d’Orsi
“Editoriale dal palco”
?Ore 21.30 - Museo Audiovisivo della Resistenza
Omaggio a Paolo Ciarchi
presentazione del cd Paolo Ciarchi “Cent’anni di multitudine”, con Isabella Ciarchi (voce), Alessio Lega (voce, chitarra) e Rocco Marchi (basso, percussioni e strumenti giocattolo), Francesca Baccolini (contrabbasso), Guido Baldoni (fisarmonica), Sasà Sorace (chitarra), Davide Giromini (voce e chitarra), Marco Rovelli (chitarra e voce), Rudi Assuntino (voce e chitarra)
Ore 22.00
Ricky Gianco e Gianfranco Manfredi + Yo Yo Mundi e Maurizio Camardi
"Suoni ribelli"
con Ricky Gianco (voce e chitarra), Gianfranco Manfredi (voce), Maurizio Camardi (sassofoni, duduk, piano farfisa), Paolo Enrico Archetti Maestri (voce, chitarre), Eugenio Merico (batteria), Andrea Cavalieri (basso, voce), Chiara Giacobbe (violino), Dario Mecca Aleina (suoni e basi)
Dopo spettacolo/3
Loving, Rosemary Lunokhod
Alessio Russo Fiorillo (chitarra), Michele Bertolini (chitarra), Giovanni Pacifico (batteria), Tiziana Preka (basso), Nicole Arcidiacono (voce)

Lunedì 5 agosto La giornata di lunedì ha inizio alle 16.30 con il dibattito numero 5, con il titolo Passaggio a Nordest. Il “Confine Orientale” da Fiume ai nostri giorni?con Angelo d’Orsi (Università di Torino), Davide Conti (storico, consulente dell’Archivio Storico del Senato della Repubblica). Alle 18.00 verrà presentato “1919/2019. Cent’anni di fascismo?”?con Mimmo Franzinelli (Fondazione “Rossi-Salvemini”, Firenze), Marco Palla (Università di Firenze), Angelo d’Orsi (Università di Torino). La serata vedrà sul palco l’omaggio a Ivan Della Mea a dieci anni dalla morte (2009-2019) con Alessio Lega, Rocco Marchi feat. Davide Giromini, Marco Rovelli, Rudi Assuntino, Sandra Boninelli, Pardo Fornaciari, Isabella Cagnardi, Silvia Malaguggini. Seguirà Bobo Rondelli accompagnato dalla sua storica band Ottavo Padiglione. Sarà infine il rapper carrarese Sam-B che chiuderà la serata con il dopo spettacolo.

LUNEDì 5 AGOSTO

Ore 16.30?Dibattito/5?
Passaggio a Nordest. Il “Confine Orientale” da Fiume ai nostri giorni?con Angelo d’Orsi (Università di Torino), Davide Conti (storico, consulente dell’Archivio Storico del Senato della Repubblica)
Ore 18.00?Dibattito/6?
1919/2019. Cent’anni di fascismo??con Mimmo Franzinelli (Fondazione “Rossi-Salvemini”, Firenze), Marco Palla (Università di Firenze), Angelo d’Orsi (Università di Torino)
Ore 21.00
Alessio Lega, Rocco Marchi feat. Davide Giromini, Marco Rovelli, Rudi Assuntino, Sandra Boninelli, Pardo Fornaciari, Isabella Cagnardi, Silvia Malaguggini
“La nave dei folli”. Omaggio a Ivan Della Mea?concerto per Ivan a dieci anni dalla morte (2009-2019) con Alessio Lega (voce, chitarra) e Rocco Marchi (basso, percussioni e strumenti giocattolo), Francesca Baccolini (contrabbasso), Guido Baldoni (fisarmonica), Sasà Sorace (chitarra). Featuring Davide Giromini (voce e chitarra), Marco Rovelli (voce e chitarra), Rudi Assuntino (voce e chitarra), Sandra Boninelli (voce e chitarra), Pardo Fornaciari (voce e chitarra), Isabella Cagnardi (voce), Silvia Malaguggini (voce)
Ore 22.15
Bobo Rondelli & Ottavo Padiglione
“Cos’hai da guardare?”
con Bobo Rondelli (voce e chitarra), Simone Padovani (batteria), Matteo Pastorelli (chitarra), Claudio Lacci (tastiere), Valerio Fantozzi (basso). Incursione sul palco di Alberto Rollo per presentare il nuovo libro di Bobo Rondelli, “Cos’hai da guardare?” (Mondadori, 2019)

Dopo spettacolo/4
Sam-B
con Sam-B (voce e basi)

Martedì 6 agosto La giornata conclusiva del festival inizierà alle 16.30 con il dibattito: Il biennio rosso (1919-1920): una rivoluzione mancata? con Angelo d’Orsi (Università di Torino), Mimmo Franzinelli (Fondazione “Rossi-Salvemini”, Firenze). Seguirà Memoria dell’Autunno caldo. Un dialogo tra fotografia, storia e antropologia?con due dei più importanti fotoreporter italiani: Tano D’Amico (fotografo), Uliano Lucas (fotografo), Angelo d’Orsi (Università di Torino). Coordina Paolo De Simonis (IDAST - Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia Orale in Toscana). Moni Ovadia aprirà la serata con un intervento intitolato: “Contro il privilegio. Il lascito di Primo Levi”. Alle ore 22.00 salirà sul palco Angela Baraldi con “Tornano sempre”. Alle ore 23.00 sarà la volta del mitico gurppo del rock demenziale, gli Skiantos che presentano, che avranno come ospite Nevruz (protagonista qualche anno fa di un’edizione di XFactor) che sostituirà l’indimenticabile genio di Freak Antoni. Il dopo spettacolo che chiuderà la XV edizione sarà infine affidato ai Lunokhod .

Martedì 6 agosto - Museo Audiovisivo della Resistenza

Ore 16.30
Dibattito/7
Il biennio rosso (1919-1920): una rivoluzione mancata?
con Angelo d’Orsi (Università di Torino), Mimmo Franzinelli (Fondazione "Rossi-Salvemini", Firenze)


Ore 18.00
Dibattito/8
Memoria dell’Autunno caldo. Un dialogo tra fotografia, storia e antropologia
con Tano D’Amico (fotografo), Uliano Lucas (fotografo), Angelo d’Orsi (Università di Torino). Coordina Paolo De Simonis (IDAST - Iniziative Demo-Etno-Antropologiche e di Storia Orale in Toscana)

Ore 21.00
Moni Ovadia
“Contro il privilegio. Il lascito di Primo Levi”
intervento di e con Moni Ovadia

Ore 22.00
Angela Baraldi
“Tornano sempre”
con Angela Baraldi (voce e chitarra), Federico Fantuz (chitarra)

Ore 23.00
Skiantos feat. Nevruz
“Largo all’avanguardia”
con Fabio “Dandy Bestia” Testoni (voce, chitarra), Roberto “Granito” Morsiani (batteria, voce), Luca “Tornado” Testoni (voce, chitarra), Massimo “Max Magnus” Magnani (basso, voce) featuring Nevruz (voce)

Dopo spettacolo/5
Lunokhod
con Walter Massa (basso e sintetizzatore), Gioele Barsotti (chitarra e sintetizzatore), Gianluca Biasci (batteria), Lorenzo Bonuccelli (chitarra)

INGRESSO GRATUITO PER TUTTI GLI SPETTACOLI
Il Museo Audiovisivo della Resistenza effettuerà la seguente apertura straordinaria: 10-21 per tutti i giorni del festival. È possibile fare visite guidate (info 0187 680014 www.museodellaresistenza.it). Il Circolo culturale enogastronomico Archivi della Resistenza sostituirà il normale servizio di ristorazione con la tradizionale offerta gastronomica all’esterno, per agevolare la fruizione degli spettacoli. IMPORTANTE: per raggiungere il Museo utilizzare il servizio navetta gratuito con partenza dal campo sportivo di Fosdinovo attivo dalle 19 alle 01.00 per tutti i giorni del festival.
Come arrivare

GASTRONOMIA DALLE 19.30

Contatto Radio Popolare Network è la radio ufficiale del festival FM 89,500 Mhz www.contattoradio.it

Per il festival info: 329.0099418 / 339.3482891
info@archividellaresistenza.it; www.archividellaresistenza.it


---------------------------------


Il festival continua anche dopo che è finito…
Museo Audiovisivo della Resistenza

Sabato 10 e domenica 11 agosto
Notte sotto le stelle al Museo
Campeggio per famiglie con favole, asini e burattini
(in collaborazione con Ass. Raglio Forte)

Giovedì 15 agosto
Pranzo e cena di Ferragosto per finanziare il festival
(prenotazioni al 3290009418)

Venerdì 30 agosto
Ascanio Celestini
presenta e racconta i suoi ultimi due libri “Barzellette” (Einaudi, 2019) e “L’armata dei senzatetto”, con Giovanni Albanese (Contrasto 2018)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News