Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Settembre - ore 15.58

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

'Diario di prigionia', a Sarzana il libro di Umberto Saraceni

'Diario di prigionia', a Sarzana il libro di Umberto Saraceni

Sarzana - Val di Magra - Il libro “Diario di prigionia” di Umberto Saraceni sarà presentato martedì a Sarzana. Alle ore 9 l’appuntamento è con gli studenti all’Istituto Parentucelli-Arzelà e quindi alle ore 17,30 nella Sala Consiliare del Comune di Sarzana (Piazza Matteotti, 1). Interverranno insieme al curatore Gian Luigi Saraceni, l’Assessore alla Cultura Nicola Caprioni, lo scrittore Marco Ferrari e un rappresentante dell’ANPI.
Il libro edito da Minerva traccia nel suo diario il resoconto di una resistenza spinta sino alle estreme conseguenze. È la testimonianza di una vicenda di solidarietà e una storia d’amore che hanno consentito all’autore, nei momenti più bui, di mantenere fede negli uomini e nel futuro. Magistrato militare, il generale Umberto Saraceni è stato procuratore per quasi vent’anni al Tribunale Militare della Spezia, che aveva una estesissima competenza territoriale e ha partecipato a importanti processi dal dopoguerra agli anni ottanta del secolo scorso. Fatto prigioniero in Grecia all’indomani dell’8 settembre 1943 il suo Diario di Prigionia, scritto su minuscoli taccuini, nascosti conservati e difesi a dispetto di tutto, è la cronaca fedele, spesso
giornaliera, di una detenzione durata quasi due anni nei campi in cui i tedeschi raccolsero centinaia di migliaia di soldati ed ufficiali italiani.
Ed è il tema della giustizia che traspare in controluce in tutte le pagine dell'autore, impegnato da giudice a far rispettare le leggi italiane all'interno dei campi e vittima di un sopruso e di un sofisma giuridico (quello degli italiani non prigionieri di guerra ma semplici internati) che ripugnava alla coscienza di tutti: la scabra e quasi parossistica serie di annotazioni, che giorno dopo giorno si concentrano sempre di più sulle pure questioni di sopravvivenza fisica (la mancanza di cibo, il freddo, le malattie), è l’attestazione di una eroica resistenza individuale e collettiva alle pressioni crescenti dei tedeschi prima per aderire alla Repubblica Sociale Italiana e poi per contribuire allo sforzo bellico tedesco. Da quel “No” corale ostinato e testardo ha preso lentamente forma, alimentato dalle interminabili discussioni che si svolgevano nei campi, la coscienza civile della nuova Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News