Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Marzo - ore 13.25

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Un buco nei cieli di Marinella e Fiumaretta. Niente paura è un fenomeno naturale

Si tratta di un avvenimento inconsueto e molto affascinante: gli esperti lo chiamano "fallstreak hole".

qualcuno ha pensato a un ufo
Un buco nei cieli di Marinella e Fiumaretta. Niente paura è un fenomeno naturale

Sarzana - Val di Magra - Un grosso buco tra le nuvole circolare e ben definito. È quello che è apparso di prima mattina, oggi mercoledì 14 novembre, sul litorale apuano. Il fenomeno è stato notato sia a Marinella di Sarzana e Fiumaretta e nelle vicine Massa e Carrara. L'episodio ha suscitato sorpresa e una grande inquietudine in molti cittadini, alcuni dei quali hanno postato varie foto sui social network.

"Un ufo? Sono stati gli alieni? Sono tra noi!" ha affermato qualcuno, cercando di dare una propria interpretazione allo strano avvenimento. Si tratta infatti di un fenomeno tanto raro quanto affascinante, già capitato comunque in altre zone d'Italia e del mondo. E proprio questa sua rarità gli consente spesso di essere scambiato per un oggetto volante non identificato o l'"impronta" di un velivolo alieno dopo una partenza ad altissima velocità.

Secondo gli esperti però, questo avvenimento quasi completamente sconosciuto negli anni Novanta, è del tutto naturale e viene chiamato fallstreak hole ("fori di caduta") o skypunch, che significa "pugno nel cielo" e, come riporta il sito scientifico Sciencecue.it "nasce dall'improvviso ghiacciamento delle micro-goccioline che costituiscono la nube. Negli strati più alti, a bassissima temperatura (fino a -40°C), le goccioline restano liquide (sovraffuse) a causa della mancanza di pulviscolo che funge da nucleo di condensazione. Il rilascio del calore latente di passaggio di stato tra acqua e ghiaccio – spiegano gli esperti – riscalda l’aria al centro del buco che, a questo punto, sale verso l’alto. L’aria intorno viene quindi spinta verso il basso e riscaldandosi per compressione provoca l’evaporazione delle goccioline con formazione di un area circolare trasparente".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News