Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 25 Maggio - ore 21.10

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Reati ambientali in area Parco, sequestrato un impianto di inerti

Blitz a Sarzana di Forestale e NIPAAF al termine di lunghe indagini. Materiale di cava gestito senza autorizzazione.

denunciato il legale rappresentante
Reati ambientali in area Parco, sequestrato un impianto di inerti

Sarzana - Val di Magra - Al termine di una lunga e complessa attività investigativa, militari delle Stazioni Carabinieri Forestale di La Spezia, Sarzana, Borghetto Vara, Sesta Godano e Varese Ligure, insieme a militari del NIPAAF della Spezia, per un totale di venti unità, hanno provveduto questa mattina al sequestro - in esecuzione del relativo provvedimento del GIP del Tribunale della Spezia - di un impianto di triturazione inerti operante in località Ghiarettolo/Falaschi nel comune di Sarzana.

Contestualmente, i militari, in esecuzione del provvedimento del Pubblico Ministero competente, hanno provveduto alla perquisizione dei locali della sede operativa, sita nell’impianto in argomento, e di quelli della sede legale, sita in Carrara, con acquisizione e sequestro di documenti utili all’indagine.

Dall’indagine era, infatti, emerso che l’attività di triturazione degli inerti, che ha comportato la gestione di almeno 100 mila tonnellate di materiale di cava, veniva svolta senza alcuna valida autorizzazione, anche con riferimento allo scarico di acque reflue industriali e l’emissione in atmosfera delle particelli industriali da parte dell’impianto fisso e di quello mobile, ed in violazione della normativa in materia di rifiuti speciali.

I militari hanno inoltre accertato che alcune strutture dell’impianto, che insiste su area di particolare pregio ambientale (area SIC, sito di interesse comunitario) erano state realizzate, o ampliate, senza alcun titolo edilizio, senza autorizzazione paesaggistica e senza nulla osta del Parco Monte Marcello-Magra, nel cui territorio operava l’impianto.

I militari hanno, conseguentemente, segnalato alla competente autorità giudiziaria, per tutti i reati di cui sopra, il legale rappresentante della società interessata, la quale sarà oggetto dell’ulteriore procedimento relativo alla responsabilità giuridica delle società di cui al D.Lgs. n. 231/2001.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News