Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Settembre - ore 20.42

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Rapinò la titolare del "Moderno" a Santo Stefano, rischia vent'anni di carcere

I carabinieri di Sarzana, i Ris hanno individuato il resposabile: un 36enne già noto agli uffici. Il bottino del colpo: 200 euro.

incastrato dalle impronte lasciate sulla cassa
Rapinò la titolare del "Moderno" a Santo Stefano, rischia vent'anni di carcere

Sarzana - Val di Magra - E' stato incastrato dalle impronte digitali lasciate sul registratore di cassa. Ora un 36enne rischia fino a vent'anni carcere. E' l'epilogo della vicenda legata alla rapina del Bar moderno, alle porte di Santo Stefano Magra. La soluzione del caso è arrivata con le indagini serrare dell'Aliquota operativa dei Carabinieri di Sarzana e del Ris di Parma.
Era il 25 ottobre del 2019 e l'anziana proprietaria del bar stava aprendo quando all'interno dell'esercizio fece irruzione un uomo, rivelatosi poi il 36enne incriminato, con coltello alla mano e volto nascosto da un foulard, si fece consegnare il denaro depositato nel registratore di cassa.
La donna venne minacciata con un grosso coltello dal malvivente che si fece consegnare tutto il denaro custodito in cassa: 200,00 euro, ovvero tutto l’incasso del giorno precedente.

L’uomo toccò il registratore di cassa e così vi lasciò impresse le sue impronte digitali che i Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Sarzana, intervenuti per il sopralluogo ed i rilievi tecnici, riuscirono ad individuare e repertare attraverso tecniche codificate.

Le impronte furono poi inviate al Reparto investigazioni scientifiche dell’Arma di Parma dove, dal raffronto con quelle di tutti i pregiudicati già presenti nella banca Dati Nazionale, i Carabinieri del Ris risalirono alle esatte generalità del rapinatore.

I carabinieri di Sarzana hanno così denunciato alla Procura della Spezia un uomo di 36 anni, abitante in provincia e già noto alle forze dell’ordine per altre rapine e spaccio di droga, che ritengono sia il responsabile anche della rapina consumata ai danni della pasticceria di Santo Stefano Magra.

Il denunciato, che nel frattempo non ha mostrato alcun segno di ravvedimento, è accusato di rapina aggravata perché commessa facendo uso di armi e con la faccia travisata e rischia una pesante condanna che può arrivare fino a vent’anni di reclusione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News