Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre - ore 22.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pusher casalinga continua a spacciare anche ai domiciliari: 70 grammi di eroina in casa

Ad Arcola
Pusher casalinga continua a spacciare anche ai domiciliari: 70 grammi di eroina in casa

Sarzana - Val di Magra - I carabinieri della Stazione di Arcola hanno trovato a casa sua, dove stava scontando i domiciliari, ben 70 grammi di eroina e pertanto l'hanno nuovamente arrestata e l'hanno trasferita al carcere femminile di Genova Pontedecimo, su disposizione dell’autorità giudiziaria spezzina.

La donna, una casalinga arcolana 55enne, sottoposta ai domiciliari per spaccio di stupefacenti, è stata raggiunta da un provvedimento di arresto emesso dal Giudice che le ha revocato il beneficio della detenzione al domicilio disponendo il suo trasferimento in carcere.

La donna fu arrestata una prima volta in flagranza di reato il 24 luglio 2019 quando i militari di Arcola la sorpresero mentre vendeva una dose di eroina ad un giovane della Val di Magra. In quel frangente tentò la fuga con l’auto urtando un militare che dovette ricorrere alle cure del Pronto soccorso, e fu così arrestata in flagranza per detenzione di sostanze stupefacenti a fini di spaccio e violenza e resistenza a pubblico ufficiale. La perquisizione personale e quella del veicolo consentirono di rinvenire altri 5 grammi di eroina, già pronti per essere venduti, e diverse centinaia di euro in contanti frutto dello spaccio.

Per quel fatto la donna riportò la condanna che stava scontando ai domiciliari, dove lo scorsa settimana è stata nuovamente arrestata in flagranza per detenzione di 70 grammi di eroina destinati allo spaccio, trovati e sequestrati dai Carabinieri in casa sua nel corso di una perquisizione domiciliare.

I Carabinieri di Arcola hanno richiesto l’aggravamento della misura alternativa al carcere, di cui la donna beneficiava, ed il Giudice ha disposto che la pusher casalinga venisse associata al carcere genovese dove dovrà rimanere reclusa per scontare il residuo della pena a cui è stata condannata, pari a 5 mesi e 25 giorni di reclusione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News