Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 06 Luglio - ore 09.12

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Incendio doloso alle Pianazze, presi due uomini

Un altro filone di indagine per l'operazione oltre alla Shangai che ha portato all'arresto di un 70enne, della compagna e della madre di lei. Ancora ignote le motivazioni del rogo.

i due indagati hanno 50 e 59 anni
Incendio doloso alle Pianazze, presi due uomini

Sarzana - Val di Magra - Sesso e fuoco. Si aggiunge un altro tassello alla vicenda di cronaca che in queste ore ha travolto la provincia della Spezia e la vicina Massa Carrara. In queste ore i Carabinieri di Arcola hanno proceduto alla denuncia a piede libero di due uomini, italiani e spezzini di 50 e 59 anni.
I due sono ritenuti responsabili degli incendi che il 3 ottobre scorso hanno messo sulla pista giusta i Carabinieri che poi hanno aperto l’indagine “Shangai” che ieri ha portato all’arresto di un avvocato massese di 72 anni, della compagna di 22 e della madre di lei con l’accusa pesantissima di violenza sessuale su minore e sfruttamento della prostituzione.

Un altro pezzo del puzzle dunque e dai dati raccolti dagli inquirenti è emerso che in quella notte di autunno il 50enne e il 59enne avrebbero reperito e riempito una tanica di benzina da 5 litri in un distributore vicino al luogo dell’incendio. Hanno versato il contenuto sull’auto di un uomo di 60anni residente nella zona delle pianazze e incendiato altre due auto nelle vicinanze. Tutti e tre i mezzi erano di proprietà dell'uomo.

Quale fosse il motivo rimane un mistero e sono tante le ipotesi maturate tra le quali anche quelle del gesto su commissione. Sono state le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti in zona a contribuire alla soluzione del caso. Quella stessa notte i carabinieri del Radiomobile hanno fatto i primi accertamenti e una volta entrati in casa del proprietario, un 60enne arcolano, hanno notato la presenza di due ragazzine di 13 e 17 anni. I militari insospettiti dal contesto si sono attivati con il collega dell’Investigativo di Sarzana dando via all’indagine che ha fatto scoprire i terribili retroscena.

L’indagine poi ha preso corpo concentrandosi in due filoni: quello legato agli incendi e la parte legata alle vicende delle due minorenni. I loro movimenti, quelli della madre, della sorella e dell’avvocato compagno di quest’ultima. Le tre persone che ieri sera sono state colpite dall’ordinanza di custodia cautelare in carcere.
Tornando infine ai due uomini accusati per l’incendio: sono già sentiti dal pm e dagli inquirenti, per giustificare i loro movimenti e le operazioni svolte nel cuore della notte, hanno fornito una versione poco verosimile tutt’ora al vaglio dell’autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News