Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Marzo - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Gasolio nel canale che attraversa la vallata, si indaga sulle cause

Intervento del Canale lunense per arginare l'inquinamento.

Da Castelnuovo al Magra
Gasolio nel canale che attraversa la vallata, si indaga sulle cause

Sarzana - Val di Magra - Un allarme che ha l'odore del gasolio oggi in Val di Magra. Uno sversamento ha infatti colpito il Canale Tremola a Castelnuovo Magra, corso d'acqua che poi, scendendo verso il fiume Magra, dove sfocia, prende nome prima di Fosso Quadri e poi di Fossa Maestra. Tutto è cominciato nel primo pomeriggio in seguito alle segnalazioni di alcuni residenti della zona di Ca' del Sale, nell'Amegliese, che hanno notato le classiche chiazze oleose. Subito si sono attivate le macchine comunali di Castelnuovo, Sarzana e Ameglia, i tre comuni interessati dal corso d'acqua colpito dall'inquinante. Prontamente attivati Carabinieri Forestali e Arpal, che hanno scandagliato il corso del canale. Sul campo anche il sindaco di Castelnuovo Montebello e gli assessori Bernava (Ameglia), Campi e Torri (Sarzana).

La soluzione ha visto l'attivazione del Canale Lunense, che è intervenuto con il suo personale, affiancato da quello dei Comuni, sistemando delle panne assorbenti per evitare il dipanarsi del combustibile, insidiosamente diretto verso il mare. Le panne sono state applicate all'altezza dell'imbocco del Vialone di Marinella, come in occasione dello (QUI) che aveva caratterizzato il canale a fine 2018. Allora come oggi l'episodio si era verificato dopo forti precipitazioni. Per quanto la situazione odierna sia stata messa in sicurezza, è lecito pensare che il fenomeno fosse in atto da almeno un giorno e che, quindi, dell'inquinante abbia avuto modo di fluire verso il Magra e il mare.

Necessario a questo punto fare chiarezza sulle cause del fenomeno per evitare altre recidive. Il tutto potrebbe essere riconducibile, secondo prime indiscrezioni, a un'impresa del Castelnovese, forse per via di qualche malfunzionamento dell'impiantistica. Ma per giungere alle conclusioni sarà necessario attendere gli esiti delle analisi Arpal, che oggi ha effettuato i campionamenti, e dell'indagine dei Carabinieri Forestali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News