Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Ottobre - ore 14.53

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fa pipì sulla cassetta elettrica di un condominio, a pochi metri dai giochi dei bambini

Fa pipì sulla cassetta elettrica di un condominio, a pochi metri dai giochi dei bambini

Sarzana - Val di Magra - Nei giorni scorsi due donne residenti a Santo Stefano di Magra si sono presentate presso il comando di Polizia locale lamentando un fatto increscioso. Entrambe infatti, ascoltate separatamente dagli agenti guidati dal comandante Flavio Toracca, hanno riferito che mentre stavano uscendo da casa, hanno sorpreso un uomo di mezza età che tranquillamente orinava sulla cassetta elettrica alla quale sono allacciate le utenze condominiali. Le due donne, una delle quali in compagnia del figlio di quattro anni, lo hanno ammonito avvisandolo che sono gesti che non si fanno a fianco a delle abitazioni e che oltretutto a due o tre metri da dove si trovava, in un giardino, erano presenti ed evidenti i giochi di un bambino lì residente. L’uomo, per tutta risposta, a detta delle due donne si sarebbe rivolto verso una di loro e, riferendosi alla cassetta elettrica, avrebbe esclamato: “Ma ci paghi l’Imu?”, aggiungendo che non era colpa sua se le donne non potevano fare pipì da in piedi.

A questo punto, il sarcasmo dell’uomo non è stato affatto ben gradito a tal punto che le due residenti si sono rivolte al Comando. Gli agenti, coordinati nei servizi esterni dal vicecomandante Maurizio Perroni, hanno così svolto gli accertamenti di rito e, benché le due donne avessero fornito una sommaria descrizione dell’uomo, sono comunque in pochi giorni riusciti a risalire al responsabile e a convocarlo in comando. Si tratta di un uomo di 56 anni di Massa, che è stato pertanto denunciato per “atti osceni” condotta punita ai sensi dell’articolo 527 codice penale per il quale è prevista la pena da quattro mesi a quattro anni di reclusione. Tanto è infatti quanto stabilito dalla norma se il fatto è commesso all’interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori e se da ciò derivi il pericolo che vi assistano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News