Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Gennaio - ore 19.27

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Cava Brina, niente stop all'ordinanza. E a gennaio c'è l'udienza preliminare

Il Tar non ha accolto il ricorso della società Castagna contro il provvedimento di rimozione dei materiali ritenuti non conformi.

Ipotesi reato discarica abusiva
Cava Brina, niente stop all'ordinanza. E a gennaio c'è l'udienza preliminare

Sarzana - Val di Magra - Nelle passate settimane il Tribunale amministrativo della Regione Liguria aveva accolto il ricorso della società Castagna Settimo contro l'ordinanza con cui il sindaco di Santo Stefano, Paola Sisti, stoppava le attività di riempimento e riambientalizzazione della ex Cava della Brina in virtù di criticità di ordine strutturale. Nei giorni scorsi invece, sempre dal Tar, è arrivata la bocciatura della richiesta di sospensiva, sempre da parte della Castagna, relativamente a un'altra ordinanza di Palazzo civico, un provvedimento che obbligava la società a rimuovere dalla ex cava (segnatamente all'interno di quella porzione di cantiere posta sotto sequestro dalla Procura) quei materiali non conformi conferiti.

Come detto, i giudici amministrativi genovesi hanno negato la sospensiva, questo perché, si legge in sentenza, “dalla relazione depositata in esito all’incidente probatorio ordinato dal Gip in relazione agl’ipotizzati reati di discarica abusiva e d’inquinamento ambientale emerge il potenziale inquinamento attraverso percolamento delle acque sotterranee e del Rio Belaso” e quindi “ritenuto che nel bilanciamento degl’interessi dedotti in giudizio appare preminente l’interesse alla tutela ambientale”. Saltata la sospensione, del ricorso si discuterà quindi, nel merito, il 14 aprile 2021. Mentre l'indagine penale, quella che fa perno sul sequestro disposto dalla Procura nel 2017 (seguito da il sequestro di un'ulteriore porzione nel 2019), vedrà svolgersi il 26 gennaio 2021 l'udienza preliminare, nella quale saranno disposti gli eventuali rinvii a giudizio. “Qualora in esito all’udienza preliminare davanti al giudice penale la situazione giuridica dovesse essere modificata, le parti potranno chiedere al Tribunale una rivalutazione della situazione”, si precisa nella sentenza del Tar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News