Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 05 Luglio - ore 14.57

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Canne e sterpaglie in fumo, prende fuoco anche una Panda

Incendi boschivi, scattano le sanzioni ad Ameglia e Zignago mentre nel comune di Luni coinvolti ben 200 metri quadrati ma ignoti per ora i responsabili.

a luni
Canne e sterpaglie in fumo, prende fuoco anche una Panda

Sarzana - Val di Magra - Oltre ad essersi messi a completa disposizione della Questura della Spezia per la comune battaglia al contenimento del virus, i carabinieri forestali spezzini hanno comunque mantenuta inalterata l’attività di vigilanza negli ambiti territoriali di specifica competenza. Oltre ai posti di controllo quotidiani, l’attività è stata indirizzata nella prevenzione in materia di incendi boschivi: da questo punto di vista negli ultimi giorni ad esempio sono stati identificati i responsabili di due incendi boschivi colposi nei comuni di Ameglia e Zignago sanzionando due cittadini che stavano effettuando abbruciamenti di residui vegetali dai quali scaturiva l’incendio.

Di particolare rilievo l’intervento un altro incendio nel comune di Luni, per ora a carico di ignoti, che ha interessato circa 200 mq di canne e sterpaglie a bordo strada che si è propagato fino ad un giardino vicino all'interno del quale si è riscontrata la presenza di un’autovettura Fiat Panda parzialmente bruciata. Anche se la Regione Liguria non ha emesso decreto di proclamazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, la pratica dell’abbruciamento dei residui vegetali deve essere effettuata con le cautele prescritte ed attualmente è vietata con ordinanza sindacale nei comuni di Portovenere e Levanto. Impegno anche per quel che riguarda il contenimento del contagio nelle aree protette.

Le pattuglie dei Carabinieri Forestali stanno anche concorrendo ai controlli finalizzati al contenimento del “coronavirus” negli ambiti territoriali propri della specialità rafforzando la vigilanza in aree naturali protette in particolare sui sentieri di Portovenere e del Parco Nazionale delle Cinque Terre. Alla luce del “Protocollo di intesa tra il Wwf e l’Arma dei Carabinieri” è stata posta particolare attenzione alle “Oasi” gestite dal Wwf che in questo particolare periodo risentono di un drastico ridimensionamento del personale che ha ripercussioni sulle attività di controllo e tutela.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




Contagi e vittime sono in calo da tempo in Italia e i numeri del Covid sono quelli che si registravano a febbraio nei primissimi giorni della futura pandemia. Voi quali sensazioni avete oggi?














Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News