Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Ottobre - ore 21.36

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Caccia aperta al "pony express" della droga di via dei Molini

indagini in corso
Caccia aperta al "pony express" della droga di via dei Molini

Sarzana - Val di Magra - “Com'era la pizza?”. Peccato che non si parlasse di alimenti ma di droga. L'unica verità era l'attenzione di chi poneva la domanda al proprio interlocutore: spacciatore a cliente. E' questo uno dei nuovi dettagli emersi dalle indagini dei carabinieri che proprio ieri sono entrati in azione smantellando un'attività illecita che poteva arrivare fino a settanta cessioni di droga settimanali. Insomma, un altro pezzo dei traffici di Via dei Molini messo nero su bianco anche alla luce delle intercettazioni telefoniche (QUI)
Certosino il lavoro dei Carabinieri di Sarzana che hanno ricostruito anche il legame di totale sottomissione che i clienti avevano nei confronti dei propri spacciatori. E' la vicenda di un 50enne sarzanese che per ottenere mezzo grammo di cocaina ha impegnato l'orologio. Lo stupefacente valeva poco più di 40 euro. Appena trovati i soldi ha chiamato uno degli spacciatori che gli ha restituito l'orologio.

Questo riscontro è stato uno dei molti risultati utili a comprendere come l’organizzazione, strutturata e stabile, attraverso il “capo” curava le relazioni tramite 4 o 5 cellulari, i cui numeri venivano cambiati ogni 2 settimane per la paura di essere intercettati dai Carabinieri, inviando i nuovi numeri ai clienti di fiducia per non perdere l’ ”affezionata“ clientela che veniva rassicurata e “coccolata” garantendo sulla qualità della sostanza e del servizio, disponibile di giorno e di notte, veloce e senza necessità di un preavviso.

Il “capo”, che teneva i contatti telefonici, già noto alle forze dell’ordine sempre per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, era molto guardingo come emerso dalle conversazioni telefoniche intercettate: “Ci sei?, “Sì, grande o piccola?” (intendendo se dose da 20/30 euro o da 50).
Lo spacciatore sceglieva uno dei tanti luoghi di incontro in modo tale da essere completamente imprevedibile ad un eventuale controllo da parte dei Carabinieri e pure senza dare nell’occhio ai comuni cittadini con una presenza costante.
A volte, proprio come un imprenditore che fa sondaggi, si informava con i clienti più affezionati, diciamo gli intenditori, sulla qualità dello stupefacente, chiedendo loro “com’era la pizza..” .

L’attività di spaccio è stata stroncata e dopo mesi di riprese video, intercettazioni telefoniche e riscontri sui clienti, l’indagine si è conclusa con i tre arresti di ieri.
Ora però è caccia la quarto uomo: il gruppo, infatti, era costituito da quattro elementi, tre dei quali sono stati sorpresi dall'irruzione dei Carabinieri nella base di Via dei Molini, ma il quarto “pony express” della droga non è stato ancora reperito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News