Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 20 Settembre - ore 16.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Bruciato uno dei capanni per birdwatching ai Bozi di Saudino

La Lipu ha denunciato l'accaduto al Parco di Montemarcello-Magra-Vara e invita a far parte del Gruppo locale di conservazione per valorizzare l'area.

Vandalismo o bracconaggio?
Bruciato uno dei capanni per birdwatching ai Bozi di Saudino

Sarzana - Val di Magra - Di uno dei capanni di osservazione collocato dal Parco di Montemarcello-Magra-Vara nell'area dei Bozi di Saudino non rimane che la cenere.
Nel corso di un sopralluogo effettuato in questi giorni, dopo non aver frequentato l’area dall’inizio delle restrizioni dovute al rischio di contagio, Paolo Canepa, delegato Lipu provinciale, e altri associati hanno trovato il capanno completamente bruciato.
"Si tratta di un episodio che ci lascia con una grande amarezza per la inciviltà di chi frequenta quest’area che avrebbe bisogno di una maggiore attenzione da parte di tutti. I nostri monitoraggi - spiega Canepa - hanno evidenziato la presenza di specie avifaunistiche particolarmente protette a livello europeo e siamo sicuri che con un maggior controllo dell’area e una opportuna manutenzione delle attrezzature come i capanni garantirebbe la necessaria tranquillità agli animali e una corretta fruizione da parte di cittadini e scuole.

La Lipu, che ha segnalato l'accaduto al Parco, ha istituito circa un anno fa in provincia il Gruppo locale di conservazione (Glc) dedicato ai Bozi di Saudino, nel comune di Sarzana. Gli obiettivi principali dei Glc che la Lipu ha attivato in tutta Italia sono il monitoraggio dei siti Natura 2000 prescelti sia nei confronti di una o più specie "target", che nei confronti delle minacce e delle problematiche presenti; la costruzione di un dialogo il più possibile collaborativo e proficuo con gli enti gestori dei siti; l’ organizzazione di attività di coinvolgimento dei portatori di interesse presenti sul territorio così da accrescerne conoscenza consapevolezza.

I Bozi di Saudino sono dei laghetti di origine artificiale e costituiscono la zona umida più estesa di tutta la Liguria. L’area è stata classificata come ZSC (Zona speciale di conservazione) ed è stata inserita nel 2001 all’interno dei confini del Parco che nel 2013 e 2014 ha realizzato una serie di importanti interventi di recupero finanziati dal Programma attuativo regionale Por Fesr 2007-2013 per favorire una migliore fruizione dell’area e tutelare i suoi valori naturalistici.
L’area naturalistica dei Bozi è stata inaugurata a maggio del 2015, fra le attrezzature predisposte ci sono appunto alcuni capanni di osservazione per la pratica del birdwatching.

L’adesione al Glc è aperta a tutti coloro che vogliano dedicare un po' di tempo alla valorizzazione dell’area. Per ulteriori informazioni e adesioni si può contattare la sezione Lipu della Spezia tramite mail a laspezia@lipu.it oppure l’oasi di Arcola tramite mail a oasi.arcola@lipu.it oppure il numero di telefono (attivo venerdì, sabato e domenica) 3490956080.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News