Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 06 Marzo - ore 20.00

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Non aveva ignorato un provvedimento dell'autorità", assolto camionista rimasto bloccato

In Via De Gasperi a Santo Stefano
Sottopasso di Via De Gasperi allagato, 4 dicembre 2020

Sarzana - Val di Magra - Finale lieto, anche dal punto di vista processuale, per il camionista che a inizio dicembre era rimasto bloccato con il suo Tir mentre transitava per il sottopasso allagato di Via De Gasperi, a Santo Stefano Magra.
L’uomo, difeso dall’avvocato Elena Fimiani del foro spezzino, era infatti stato sanzionato per non aver rispettato le luci rosse del semaforo collegato al sensore che rileva la pericolosità del livello dell'acqua ma era anche stato denunciato per aver ignorato un provvedimento dato dall’autorità, ovvero l'intimazione a non attraversare l'allagamento (leggi qui).
La dinamica dei fatti accertata dal giudice per le indagini preliminari, però, ha portato all'assoluzione del camionista.

"Il mio assistito - spiega l'avvocato Fimiani - ha percorso Via De Gasperi due volte. La prima volta, le autorità lo hanno fermato e lo hanno invitato a ritornare indietro; così ha fatto. E’ tornato indietro e ha portato a termine alcune consegne di lavoro. La seconda volta, invece, in assenza di personale addetto alla viabilità o di forze pubbliche che gli imponessero un divieto di transito, ha proseguito la marcia con senso da Sarzana verso S. Stefano di Magra. A comprova del fatto che in questa seconda occasione non si sia consumato il reato di cui all’art. 650 c.p. basti leggere il verbale di contestazione della Polizia Municipale, dal quale si evince pacificamente che: “In data 4.12.2020, alle ore 17 ca. in Via De Gasperi 3 all’altezza del sottopasso ferroviario, il conducente del succitato veicolo mentre percorreva la stessa Via De Gasperi solo a bordo, proseguiva la marcia con senso da Sarzana verso S. Stefano di Magra, nonostante il divieto impostogli dalla luce rossa del semaforo che si attiva in occasione dell’innalzamento del livello dell’acqua del sottopasso”. E’ evidente, dunque, che il mio cliente - prosegue il legale - non ha commesso alcuna condotta penalmente rilevante, non avendo ignorato alcun provvedimento dell’autorità, ma semplicemente avendo avuto una svista con riguardo alla luce rosse indicata nel verbale".

In accoglimento della memoria difensiva dell’autista, il giudice per le indagini preliminari ha pronunciato l'8 febbraio 2021 sentenza di assoluzione, motivando che l’autista, in effetti, all’alt degli operanti e in loro presenza ha obbedito a quanto intimatogli e a bordo del veicolo tornava indietro. In ogni caso, ha aggiunto il giudice, la disobbedienza all’ordine di fermarsi non integra il reato di cui all’art. 650 c.p., ma l’illecito amministrativo di cui all’art. 192, comma primo, c.d.s. e che il fatto per il quale si procede non è dunque previsto dalla legge come reato, imponendosi, dunque, una pronunzia di assoluzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News