Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 19 Agosto - ore 19.55

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Luci e senso di comunità sono la migliore prevenzione contro i furti"

Oggi ad Ameglia incontro con sindaco e Carabinieri. "Questa è un'isola felice ma è necessario segnalare a noi ogni movimento sospetto. Ronde e armi non servono".

"Luci e senso di comunità sono la migliore prevenzione contro i furti"

Sarzana - Val di Magra - E' stata poco partecipata ma senza dubbio molto utile per i presenti l'assemblea sulla sicurezza convocata oggi ad Ameglia dal Sindaco De Ranieri per fare il punto sui recenti episodi di furti in abitazioni e alla luce anche delle numerose sollecitazioni arrivate dall'opposizione. All'incontro infatti hanno preso parte anche il Comandante della compagnia di Sarzana il capitano Federico Silvestri e quello della stazione locale Franco Tuccio, e gli esponenti del neonato comitato di controllo di vicinato della frazione di Cafaggio che conta già 54 iscritti.
“Ho chiesto la presenza dei rappresentanti dell'Arma per confrontarci sulle situazioni di disagio e preoccupazione avvertite dalla cittadinanza” ha esordito il sindaco. “Ringrazio i Carabinieri – ha proseguito – per l'attenta attività che svolgono costantemente sul territorio, un lavoro puntuale attento che può trovare una collaborazione produttiva da parte dei cittadini. I dati – ha puntualizzato – dicono che siamo uno dei comuni più sicuri della Val di Magra ma i numeri perdono valore quando toccano le persone da vicino. Bisogna tenere alta la guardia ed evitare di far rimbalzare sui social allarmismi privi di fondamento”.

“Ameglia è un'isola felice, uno dei territori meno colpiti dal fenomeno – ha subito rassicurato Silvestri – ma nei quali c'è stato forse l'allarmismo più alto. La stazione è a pieno organico e ha un comandante che è qui da molto tempo e conosce bene tutta la zona e le sue dinamiche. La conoscenza della comunità è fondamentale – ha osservato – perché la collaborazione dei cittadini consente di valutare nel minor tempo possibile ogni tipo di situazione. All'indomani degli attentati del Bataclan ad esempio il titolare di una struttura ricettiva ci aveva segnalato l'arrivo di tre persone provenienti dalla Francia, dopo una rapida verifica erano risultati essere tre ingegneri che erano di passaggio per lavoro. La tempestività è fondamentale anche nel caso dei furti – ha ricordato Silvestri – l'estate scorsa a San Terenzo ci hanno chiamato per la presenza di un “ladro acrobata” in un palazzo, siamo arrivati sul posto e lo abbiamo colto in flagranza. Fortunatamente le denunce sono aumentate, la gente ha ritrovato fiducia e ha capito che così può anche recuperare la sua refurtiva. Sono importanti il senso di comunità e la collaborazione, sia con i vicini che con le forze dell'ordine”.

Positivo dunque in questo senso l'utilizzo delle chat di whatsapp per il controllo di vicinato. “Con la messaggistica istantanea si possono informare più persone in tempo reale – ha sottolineato il Capitano – sia per i furti che nei casi delle truffe consentendo di essere raggirati. In questo modo anche le persone sole non restano isolate. Allo stesso modo sono utili gli antifurti e i cani, come è sempre raccomandabile non scrivere su Facebook se ci si assenta per un determinato periodo oppure chiedere al vicino di ritirare per noi la posta. Fra le minime accortezze ricordo anche quella di non lasciare borse in vista in macchina quando si va a passeggio o nei locali perché chi ruba lo fa per vivere e quindi è sempre attento ad ogni nostro comportamento”.

Qual è dunque il codice di comportamento da adottare nel caso di spiacevoli “faccia a faccia” o allarmi notturni. “E' sempre meglio non rischiare e non affrontare in prima persona certi soggetti – ha detto Silvestri – anche se si è in possesso di armi è sempre meglio avvertire noi chiamando il 112 e dandoci l'opportunità di intervenire direttamente ed arrestare i malviventi. L'illuminazione, il dialogo e le telecamere sono le migliori forme di prevenzione, non solo per i cittadini ma anche per le amministrazioni che devono stare al passo con i tempi. È inutile avere telecamere se poi non riescono a identificare targhe o volti. Anche di recente abbiamo identificato l'autore di uno scippo ad Arcola grazie ad una telecamera installata su un autobus”.
Interpellato dai residenti – che hanno stigmatizzato l'assenza della minoranza che aveva sollevato il caso – Silvestri ha ricordato come in Italia manchi il timore della pena per i ladri che anche dopo i passaggi giudiziari di previsti si ritrovano a piede libero vanificando così l'operato delle forze dell'ordine. “Noi ci siamo – ha concluso – sia ad Ameglia che sul resto del territorio, ma abbiamo l'esigenza di non essere sempre visibili alle persone che stiamo monitorando”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News