Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 02 Dicembre - ore 21.40

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Volontari dopo dimissioni: "Nostro impegno mai determinato dalla politica"

I dodici fuoriusciti dalla Protezione Civile di Sarzana: "Sindaco e assessore hanno preferito contrapporre due candidati, dopo le elezioni per il nuovo coordinatore abbiamo capito che il nostro tempo era finito".

"nostro impegno solo per la protezione civile"
Volontari dopo dimissioni: "Nostro impegno mai determinato dalla politica"

Sarzana - Val di Magra - “Crediamo nel volontariato e non vogliamo assolutamente alimentare polemiche che fanno male al servizio che la squadra ha svolto e continuerà a svolgere nell'interesse”. A una settimana loro uscita dalla Protezione Civile di Sarzana i dodici volontari dimissionari intervengono per chiarire che il loro impegno “non è mai stato determinato da fedi politiche ma dalla passione che abbiamo sempre dimostrato nell'interesse esclusivo dei sarzanesi e della Protezione Civile”. Maurizio Casani, Daniela Farina, Michele Nulli, Andrea Grasso Peroni, Mauro Ciotti, Paolo e Asia Amorfini, Paolo Luccherino, Enzo Franceschini, Giorgio Micheli, Fabrizio Vellani e Francesca Soli proseguono: “Ci siamo sempre rimboccati le maniche, alcuni di noi da trent'anni a questa parte senza mai cercare visibilità, abbiamo lavorato in tante emergenze per garantirci quei contributi regionali e potenziare mezzi e attrezzature che abbiamo lasciato in dote ai nuovi volontari e alla città. Dove non siamo arrivati con le risorse pubbliche, ci siamo organizzati per reperire fondi con le feste delle castagne di piazza Luni, necessarie per acquistare equipaggiamenti per i nuovi volontari, attrezzature ed in alcuni casi per pagare carburante, attrezzature, bollette del cellulare di servizio, ancora attivo sino a pochi giorni fa”.

Entrando quindi nei motivi che li hanno spinti a lasciare in blocco osservano: “Non ci sono state pressioni per andarcene dopo le elezioni del 2018, la differenza con la nuova amministrazione è stata la considerazione che coordinatori e volontari hanno ricevuto dall'assessore Torri. Considerazione dissoltasi un anno fa quando, dopo ripetuti e inevasi solleciti di potenziamento e riorganizzazione, abbiamo protocollato la richiesta pubblicandola sui giornali. Ultima prova le elezioni di agosto del coordinatore. Di solito non c’è una vera competizione, vengono individuate le figure che per competenze, esperienze e disponibilità garantiscono la necessaria affidabilità. Invece sindaco e assessore hanno preferito contrapporre due candidati: uno con provata esperienza e dotato di corsi sia di protezione civile che di antincendio boschivo proposto dai vecchi volontari, Andrea Grasso Peroni; l’altro (Gabrielle Bertonati) proposto dai nuovi inseriti dall’amministrazione, ma senza alcuna esperienza. L’elezione di quest’ultimo e le manifestazioni di gioia seguite, ci hanno fatto capire che il nostro tempo era finito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News