Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Marzo - ore 09.11

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Vaccini a scuola, Ponzanelli: "Servono dialogo e informazione"

Approvata la mozione di Sarzana Popolare sulla copertura negli edifici scolastici. Il sindaco: "Continuano a salvare milioni di persone ma è necessario parlare anche con pone dei dubbi".

Vaccini a scuola, Ponzanelli: "Servono dialogo e informazione"

Sarzana - Val di Magra - “E' indispensabile un'adeguata informazione sui vaccini e sulla loro importanza, mi impegnerò per diffonderne la consapevolezza ma è altrettanto importante dialogare con chi nutre dei dubbi in proposito”. Questa la posizione di Cristina Ponzanelli, espressa nel corso del consiglio comunale di martedì sera nel quale è stata approvata la mozione che impegna sindaco e giunta di Sarzana a scrivere ai dirigenti scolastici “invitandoli a servirsi di tutti gli strumenti a loro disposizione per assicurare che la copertura vaccinale non cali mai oltre la percentuale raccomandata dall'Oms” e “ad adottare iniziative atte a sensibilizzare la popolazione riguardo l'utilità e la necessità di rispettare gli obblighi vaccinali”. La pratica chiede inoltre di “redigere un invito alle famiglie coinvolte affinché si avvalgano del piano vaccinale offerto dalla Regione e a monitorare efficacemente lo svolgimento delle vaccinazioni previste come obbligatorie, utilizzando l'anagrafe vaccinale per individuare i soggetti sprovvisti di adeguata copertura”.
Il documento presentato da Sarzana Popolare e illustrato dal capogruppo Pizzuto, è stato approvato con i voti favorevoli dell'intera maggioranza – con l'eccezione di Spilamberti (Lega) che non ha partecipato al voto - e del Partito Democratico, con la sola astensione di Giorgi (M5S).

“I vaccini hanno salvato e continuano a salvare milioni di persone – ha esordito Ponzanelli – e hanno consentito di debellare malattie che in passato hanno fatto molte vittime, ci hanno consentito di compiere passi avanti nella lotta alla mortalità infantile e nel progresso della società. La scienza – ha aggiunto il sindaco – non deve però porsi in modo altezzoso verso chi nutre dei dubbi di fronte a ciò che viene proposto. Dubbi che devono essere visti come una ricchezza perché da essi nasce l'approfondimento. È quindi necessario informare e trovare una chiave per parlare a tutti, chiedendosi perché per qualcuno sia venuta meno la fiducia nella scienza. Se qualcuno dà credito a notizie apprese magari dai social o tramite il passaparola, è nostro dovere riflette e dialogare senza però alcun disprezzo. Da parte dell'amministrazione – ha concluso il sindaco – c'è la massima disponibilità al confronto con i genitori che si approcciano con preoccupazione ai vaccini, senza mai dimenticare che l'obiettivo principale è quello di vincere le malattie e garantire la salute dei nostri ragazzi”.

“Ci è sembrato utile e attuale proporre questo tema al consiglio – ha affermato Pizzuto – con l'obiettivo di consentire una presa di coscienza sul problema delle vaccinazioni in particolare per gli istituti scolastici che al loro interno hanno soggetti con problemi di immunodepressione. Oggi si sono aggiunte vaccinazioni come ad esempio quella del papilloma virus per le ragazze. Ci sembra un po' limitativo che si possa sopperire a una certificazione vera e propria con un'autocertificazione. È fondamentale trovare una chiave per far capire l'importanza di un percorso che deve essere sempre più diffuso ed è necessario sottrarre la questione al dibattito politico e ideologico”.

“Tutti siamo d'accordo sull'importanza dei vaccini – ha osservato Giorgi – anche se c'è un problema di costituzionalità su imposizioni per chi non vuole vaccinarsi. Allo stato attuale è impossibile capire chi è immunizzato e chi no e l'autocertificazione non consente di capire se il genitore è d'accordo o meno, quindi è difficile avere un quadro preciso”. Per la Lega Podestà ha invece aggiunto: “Siamo per il dialogo fra le parti e la sensibilizzazione vaccinale perché crediamo sia molto importante l'informazione che i genitori devono avere per scegliere liberamente. Siamo contro l'obbligatorietà fermo restando che la vaccinazione resta lo strumento più efficace per la prevenzione di malattie anche gravi”. Voto favorevole come detto anche dal Pd che con Raschi ha dichiarato di ritenere il tema di buonsenso e di condividere spirito e contenuti della mozione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News