Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Giugno - ore 21.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Suoni, colori e tradizioni dal mondo, La Fabbrica schiude ancora le sue porte

Al centro commerciale di Santo Stefano Magra la tre giorni della "Settimana dell'Accoglienza". Le testimonianze dei rappresentanti: "Qui abbiamo sempre trovato qualcuno che rispondeva alle nostre domande. Speriamo sia ancora così in futuro".

senegal, romania, ecuador, repubblica domenicana, brasile
Suoni, colori e tradizioni dal mondo, La Fabbrica schiude ancora le sue porte

Sarzana - Val di Magra - Per l'undicesimo anno consecutivo il Centro commerciale La Fabbrica di Santo Stefano Magra si riempie di colori, storie, provenienze che collimano nella medesima voglia di integrazione e rispetto. Le differenze intese come ricchezza, ecco la consapevolezza che accomuna e fa nascere questa edizione della Settimana dell'Accoglienza che si terrà dal 31 maggio al 2 giugno con il coinvolgimento delle più numerose comunità etniche della provincia spezzina. "Si tratta di un'esperienza interessante - spiega il direttore Settimo Scatena, ormai prossimo alle pensione -, aspetti che non capita tutti i giorni di poter toccare con mano. Questa tre giorni è un momento in cui si concentrano tante esperienze di cultura, anche legata al quotidiano".

C'è Maria Peralta, punto di riferimento della Comunità domenicana alla Spezia, c'è Maria Lopez per l'Eacuador, ma anche Cornelia Rosca, della comunità romena: "Non siamo uniti come gli altri, ma ci teniamo a far conoscere la nostra cultura: è l'unica festa in provincia sentita e partecipata, non è che nel comune capoluogo abbiano mai fatto granchè. Ci sarà anche una tv romena a riprendere il tutto". Venerdì 31 è prevista l'inaugurazione con la mostra "Navigare" dell'artista brasiliana Eugenia Harten, ospitata nello spazio espositivo del centro commerciale. Il via alle 16.30 e a seguire verrà inaugurata l'installazione realizzata sulla base dei disegni degli allievi dell'Istituto comprensivo di Santo Stefano sul Viale pedonale Pozzoli. Alle 17.15 gli allievi della scuola si esibiranno in concerto: "Note sulle righe dei quaderni, note nello spazio della Fabbrica" e a seguire musica e suoni dal Senegal con il Gruppo folkloristico di Massa Carrara e assaggi di piatti tipici della tradizione senegalese. Kamara, senegalese alla Spezia dall'ormai lontano 1989 ci tiene un sacco: "Prima eravamo di più ma tanti sono andati via, fortunatamente chi è rimasto continua a collaborare: eravamo 180, ora saremo un centinaio anche perché non è che tutti i neri che vedete in giro sono senegalesi. Tante persone non conoscono la nostra cucina, io vi ringrazio molto perché siete amici di tutti gli stranieri. A Santo stefano ci avete sempre dato una mano e speriamo che sia sempre così".

In conferenza stampa anche un rappresentante del Comune di Santo Stefano, il vicesindaco Alessandro Capetta: "Siamo orgogliosi per tutti i significati che questa tre giorni si porta dietro. Orgogliosi di coinvolgere le comunità, un bel segnale il mescolamento con la settimana della musica. Le comunitá sono costituite dalle persone, dalle loro storie. Diventiamo tutti più ricchi. Fatemi aggiungere un apprezzamento: spero che chi venga dopo Settimo Scatena possa essere all’altezza dei suoi anni di lavoro e di impegno". Sabato 1° giugno si parte alle 16.30 con l'apertura tradizionale "Pane e sale...", a cura della comunità romena che organizza la Festa Bucuriei, con i ragazzi del Gruppo Floare De Colt della Chiesa Ortodossa romena dell Spezia a cura di Cornelia Rosca. Dopo di che i partecipanti, con la presentazione di Paula Kertesz e Mihaela Vija, si godranno le musiche e i balli tipici con Crinu Spataru, George Nuca, Angelica Maaxim, Valentin Ciurca, Maria Talibar, Nita Gheorghita, Gabriel Mitrea con l'accompagnamento musicale di Alex Anton.

Presente in conferenza stampa anche Eleonora Gobbato, presidente dell'Unicef per il territorio spezzino: "Da volontaria storica, mi trovo per la prima volta dal lato organizzativo. Penso che l'importante sia non perdere mai gli scopi e queste manifestazioni lo ricordano sempre. Sono utili a far vedere che quello che facciamo è apprezzato dalle persone. C’è l’impegno delle scuole che suggella il nostro impegno". Ultimo giorno quello di domenica. Alle 16 l'organizzazione della Settimana dell'Accoglienza, premierà l'avvocato Antonella Franciosi per lo storico impegno nell'integrazione delle comunità migranti della provincia spezzina e a seguire la musica, il folkore, il colore e le tradizioni dell'Eacuador, seguite poi dallo spettacolo Misura de Ritmos, con capoeira benguela e regiona, maculele, pecussao e berimbau, samba de Roda dal Brasile. Anapaola Sena, rappresentante della comunità brasiliana e mediatrice culturale si dice entusiasta: "E' un momento bello. Il Brasile è l’ultimo arrivato ma devo dire che la collaborazione è sempre stata profondissima: non solo qui ma per qualsiasi richiesta che abbiamo avuto, dobbiamo ringraziare il direttore Scatena. Tenevo tantissimo alla mostra di pittura". Chiusura affidata alla più numerosa comunità straniera del territorio: la Repubblica Dominicana organizza un momento di balli folkloristici, reggaeton e la grande festa latina con Scarlos.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News