Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Febbraio - ore 21.31

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Scontro su Piazza Martiri, Comitato: "Parodia della trasparenza"

Che botta! risponde a Ponzanelli: "Ignorate 500 firme". Intanto il capogruppo della Lega Iacopi ha fatto intervenire la Polizia Locale nel cantiere.

Scontro su Piazza Martiri, Comitato: "Parodia della trasparenza"

Sarzana - Val di Magra - Nell'attesa che venga fissata la data sul consiglio comunale dedicato a piazza Martiri – forse già la prossima settimana – il cantiere alle spalle del Laurina continua ad avere un ruolo di primo piano nel dibattito pubblico e politico cittadino. La seduta che sarà convocata dal presidente Rampi sta infatti assumendo i toni del primo vero punto critico per l'amministrazione Ponzanelli, sempre alle prese con la crisi interna dovuta alla sfiducia manifestata senza mezzi termini dal gruppo Sarzana Popolare al suo assessore all'urbanistica e ai lavori pubblici Campi. Nella mozione urgente presentata ieri la lista civica ha posto come punti da chiarire da parte di sindaco e giunta, quelli che nelle scorse settimane erano stati più volte ribaditi sia dai residenti – infuriati per gli sviluppi del progetto – che dal comitato Sarzana, che botta!.

Quest'ultimo oggi è tornato sull'argomento con una dura nota in replica a quanto affermato in proposito proprio da Ponzanelli: “Su un punto il sindaco ha sicuramente ragione: “colpevolmente” la questione piazza Martiri non è mai stata trattata in consiglio comunale. Ma il sindaco tace che, colpevolmente, la petizione del Comitato Sarzana, che botta!, che elencava tutte le violazioni di legge consumate nel progetto di piazza Martiri, denunciate nell’assemblea del 23 novembre presente l’assessore Barbara Campi, attende dall’11 dicembre scorso di essere discussa in Consiglio. Lo Statuto comunale – si legge - prevede un termine massimo di sessanta giorni per metterla all’ordine del giorno. Era indirizzata al sindaco e al presidente del consiglio comunale. Al sindaco perché si chiedeva di sospendere le delibere adottate dalla giunta Cavarra (e i conseguenti permessi di costruire); al presidente del Consiglio comunale Carlo Rampi perché, come ritiene oggi il sindaco, è il consiglio comunale il luogo deputato a tale discussione. La petizione del Comitato e lo Statuto comunale (che, come il sindaco sa, è fonte di diritto) sono stati colpevolmente ignorati. E sono state colpevolmente ignorate anche le oltre cinquecento firme di cittadini a sostegno della petizione condivisa da Libera La Spezia, Quarto Piano, L’égalité, Comitato Difesa del Territorio, Legambiente Val di Magra, Sarzana in movimento”.

“Oggi – prosegue il comitato - il sindaco Ponzanelli accredita la sua amministrazione di “massima trasparenza”, ma per indurla a portare la questione piazza Martiri in Consiglio ci è voluta la mozione urgente di Sarzana Popolare, a cui va dato atto di aver rotto una sorta di consegna del silenzio che sembrava attanagliare tutti i gruppi consiliari di maggioranza e di opposizione.

Da mesi vengono ventilati pareri di autorevoli amministrativisti sulla questione. Siamo alla parodia della trasparenza: pareri segreti di avvocati segreti. Come sono rimaste a oggi segrete le “difese d’ufficio” della regolarità del progetto redatte da dirigenti e funzionari dell’Area urbanistica, richiamate spesso dall’assessore Campi. Chiediamo che tutti questi documenti, se esistenti, siano resi pubblici. Questa sarebbe vera trasparenza. In caso contrario saremo costretti a concludere che era un bluff di promesse per non decidere, tenere buoni i cittadini e dissuaderli dal ricorso al Tar e, tacitamente, consentire all’impresa di andare avanti spedita con la costruzione del palazzo in barba alle leggi urbanistiche. Se Cavarra porta la responsabilità dello scempio l’amministrazione Ponzanelli porta la responsabilità di non aver mosso un dito per scongiurarlo e inoltre di esporre il Comune a eventuali richieste di risarcimento dei danni”.

Intanto, mentre i residenti si preparano a presentare il ricorso al Tar, il capogruppo della Lega Iacopi domenica mattina ha fatto intervenire la Polizia Locale per fermare gli operai che stavano lavorando al di fuori degli orari consentiti. Cosa fra l'altra già evidenziata in diverse occasioni dagli stessi abitanti che si affacciano sull'ex piazza delle corriere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News