Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Maggio - ore 20.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Mannozzi imprenditore, Gerardo icona

Grande protagonista dello sviluppo commerciale sulla Variante sarzanese, il suo volto simbolo di una strategia comunicativa vincente.

Mito pop
Mannozzi imprenditore, Gerardo icona

Sarzana - Val di Magra - L’abusata locuzione ‘metterci la faccia’, logoro refrain che trova indistintamente cittadinanza nelle interviste post partita, tra le mura dei reality, nelle tribune politiche e così via, Fausto Mannozzi ‘Gerardo’ l’ha fatta sua all’alba dei tempi, quando ancora non popolava una bocca sì e l’altra pura. La sua faccia rassicurante con quel taglio vagamente beatlesiano l’imprenditore viareggino classe 1941, spentosi in queste ore, l’aveva diffusa a tappeto rendendola – e rendendosi – un’assoluta icona pop di Sarzana e in generale dello Spezzino e dell’alta Toscana. Una riuscita opera di personalizzazione dell’avventura imprenditoriale – ora settore mobili, a Sarzana e Viareggio - che ha portato a una tale identificazione tra l’uomo e l’azienda. Tant’è che adesso, nelle meste ore successive alla dipartita, parlare della morte di Fausto Mannozzi a qualcuno potrà sembrare cosa oscura. Dire invece che Gerardo se ne è andato non lascerà spazio a dubbi.

Un vero precursore del vendere sé stesso e il proprio volto, una strategia vincente forse anche per quel filo di autoironia che, a maggior ragione nell’era dei filtri, traspira da una foto un po’ dimessa, dai colori tenui da telefilm poliziesco tedesco, dal tono tutto sommato familiare. Un’immagine irresistibilmente fissa, congelata sul ritratto di un Mannozzi di mezza età, Dorian Gray al contrario. Un volto-icona sorgente perpetua di ironie e divertissement, che in epoca social non potevano far altro che prendere rotte cosmiche. Non a caso, su Facebook, Mannozzi è uno dei personaggi che possono vantare una delle pagine ‘La stessa foto di ... ogni giorno’, al pari di Toto Cotugno o Ezio Greggio. Pagina che oggi, verso sera, pubblicherà – a meno di luttuosi silenzi - la canonica immagine, la prima dopo l’arrivo della ferale notizia.

Nessuno muore davvero finché resta nei ricordi. O finché svetta sornione sul ciglio della strada, corredo iconografico e sentimentale di una provincia intera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News