Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Settembre - ore 17.04

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Libera a Sarzana: "Possiamo battere le mafie lottando insieme" | Foto

In tremila per la Giornata della memoria con il corteo per le strade e la lettura dei nomi delle vittime innocenti.

GIORNATA DELLA MEMORIA
Libera a Sarzana: "Possiamo battere le mafie lottando insieme"

Sarzana - Val di Magra - "Dite la verità senza paura, siate divoratori di conoscenza perché il sapere è il primo strumento per combattere le mafie". Si è conclusa con le parole di Guerino Capolicchio, papà di Dario che perse la vita nella strage di via dei Georgofili, la prima parte della giornata della memoria dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie che quest'anno Libera ha portato a Sarzana. A pronunciarle, in una piazza Matteotti gremita e piena di giovani, è stato il referente provinciale Marco Antonelli, salito per ultimo sul palco dal quale sono stati letti i novecento nomi delle vittime. Rituale di memoria collettiva che ha accomunato Sarzana ad altre 19 piazze regionali in tutta Italia e che ogni anno caratterizza il 21 marzo promosso dall'associazione di Don Ciotti con istituzioni e decine di altre sigle locali.

Un'iniziativa partita da piazza Ricchetti dove si sono radunati i circa tremila partecipanti che hanno dato vita al coloratissimo corteo che si è snodato fra le vie del centro storico, passando sia dalla piazza intitolata al già citato Capolicchio che dal Quarto Piano, bene confiscato e riutilizzato socialmente dall'associazione L'egalitè. Manifestazione aperta dallo striscione con lo slogan "Terra, solchi di verità e giustizia" dietro al quale hanno sfilato tutti i partecipanti fra i quali la vicepresidente della Regione Sonia Viale e i sindaci Cavarra, Montebello e Orlandi, unici rappresentanti di una pattuglia che avrebbe dovuto essere più nutrita.
Presenti al completo invece le cariche delle forze dell'ordine cittadine e provinciali, componenti impegnate quotidianamente nella lotta alle mafie e alla criminalità.

"Questa giornata ci inorgoglisce - ha sottolineato a CdS l'assessore alla legalità Castagna - vedere una così folta rappresentanza di giovani è importante e ci sprona ad andare avanti su questa strada e a fare sempre meglio. Siamo contenti che in un contesto come questo Sarzana oggi possa vantare anche due beni confiscati ed effettivamente riutilizzati come il Quarto Piano e la villa di via Ghigliolo".

Due simboli cittadini che saranno aperti e visitabile per tutta la giornata che proseguirà con seminari e laboratori. Giunto in piazza invece il corteo ha lasciato spazio come detto alla lettura del lungo elenco dei nomi delle vittime, avviata dal Prefetto Garufi e conclusa da alcuni dei ragazzi più giovani fra quelli presenti con bandiere e striscioni.

"Siamo decine di migliaia in tutta Italia - ha ricordato dal palco il referente regionale di Libera Stefano Busi - a testimonianza di una memoria condivisa e collettiva, che tutta la comunità trasforma in impegno quotidiano e che di questi tempi non può che legare l'impegno per la giustizia sociale a quello contro tutti i fascismi vecchie nuovi. Dopo quello che è successo a Macerata e a Firenze non possiamo più girarci dall'atra parte. Il 21 marzo non è un appuntamento che arriva una volta l'anno ma segna la fine di un percorso e l'inizio di un altro a difesa della democrazia e della dignità delle persone".

"Aiutiamoci perché la lotta alle mafie è una battaglia di tutti - ha concluso Antonelli ringraziando i preseti e chi ha lavorato per questa giornata - da soli non possiamo farcela ma possiamo vincerla insieme".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News