Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 23 Marzo - ore 13.53

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il fatidico "si" nell'area archeologica di Luni? Da oggi è possibile

Siglata l'intesa fra Comune e Polo per incrementare la fruizione del sito mettendo a disposizione location suggestive.

matrimoni e unioni civili
Il fatidico "si" nell'area archeologica di Luni? Da oggi è possibile

Sarzana - Val di Magra - Da oggi matrimoni e unioni civili si potranno celebrare anche all'interno dell'area archeologica di Luni. Questo grazie alla convenzione siglata dal Comune e dal Polo museale della Liguria che hanno riconosciuto “la volontà di incrementare la fruizione del sito mediante azioni ed iniziative compatibili con gli scopi istituzionali tra cui la celebrazione di matrimoni e unioni civili”. Chi deciderà di pronunciare il fatidico “si” all'interno del sito potrà scegliere come suggestive location l'anfiteatro, il foro, il prato prospiciente la basilica altomedievale oppure la sala conferenze delle Cae Benettini Groppallo.

“Era già possibile farlo all'interno del Museo Etnografico – dichiara l'assessore alla cultura Carola Baruzzo – ma questa è un'opportunità in più per chi deciderà di scegliere Luni come luogo per matrimoni e unioni ciivili. Si tratta di un grande risultato frutto dell'ottima collaborazione fra Amministrazione e Polo Museale, così come avviene il molti altri luoghi e siti storici italiani, sarà possibile fruire del sito in un modo diverso rendendo ancora più speciale un giorno così importante. Per tutti i dettagli è possibile contattare l'Ufficio anagrafe”.

La convenzione, di durata quinquennale e siglata dal sindaco Silvestri e della direttrice del polo Elisabetta Piccioni, prevede inoltre tariffe e norme di comportamento per i richiedenti. Gli sposi dovranno infatti versare 140 euro alla al sito archeologico come corrispettivo dei biglietti di ingresso per 35 persone (oltre questo numero il tagliando sarà gratuito) mentre al Comune andrà versata la quota prevista dal regolamento dell'ente.
Ovviamente sarà vietato l'accesso con autovetture all'interno dell'area – ad eccezione di quella degli sposi – mentre per tutte le location la capienza massima sarà di 199 persone, salvo la sala conferenze che ne potrà contenere al massimo cento. Sarò permesso allestire gazebi e addobbi floreali purché non infissi nel sottosuolo mentre sarà vietato utilizzare o spargere riso, coriandoli e fuochi d'artificio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News