Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 03 Agosto - ore 18.02

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il controstudio ReCos contesta i dati di Raggi

Nuovo lavoro dell'UniMoRe sul progetto: "Velocità del flusso idrico sei volte minore. Perdita inquinanti? Arriverebbe alla falda in 200 giorni, avremmo tutto il tempo di reagire".

nuova perizia sul biodigestore

Sarzana - Val di Magra - La Società ReCos, che ha originariamente incaricato l’Università di Modena e Reggio per lo studio della situazione idrogeologica sulla piana alluvionale del fiume Magra, ha preparato una relazione contenente osservazioni e controdeduzioni allo studio del Prof. Raggi, con l’aiuto della stessa UNIMORE (Università di Modena e Reggio).
"Prima di entrare nel merito dei contenuti dello studio, occorre anzitutto premettere che le osservazioni del Prof. Raggi – trasmesse a molti interlocutori pubblici - NON sono state presentate ufficialmente in sede di Conferenza dei Servizi, vero e unico luogo tecnico deputato al confronto tra esperti, dove avrebbero potuto trovare spazio per un esame sostanziale e concreto.
Lo studio prodotto da UNIMORE, su incarico ReCos, trae invece origine da specifiche richieste e integrazioni da parte dell’Autorità Procedente (che ha la funzione di approvare i Piani o Programmi) nel corso della valutazione del progetto del biodigestore e lo si può ritenere, oltre che un naturale aggiornamento di tutti gli studi precedenti su cui fa riferimento la relazione del Prof. Raggi, anche il quadro conoscitivo ultimo e più aggiornato della situazione e del contesto specifico".

"La relazione di UNIMORE parte dunque dai diversi lavori e studi che sono stati realizzati nel corso degli anni ed è frutto di un approccio metodologico scientifico-matematico che si è basato su sofisticati sistemi di misurazione e modelli numerici eseguiti sul campo tra il 2019 e il 2020 tra il sito di progetto ed un’ampia area circostante.

I punti cardine dell’ultimo studio dell’Università di Modena e Reggio sono i seguenti:

1. Velocità del flusso idrico sotterraneo: su questo aspetto il Prof. Raggi, riferendosi all’“Atlante degli acquiferi della Liguria-l’acquifero alluvionale della bassa valle di Magra” (studio pubblicato nel 2009 a cura di Acam e Università di Genova), indica un valore di velocità del flusso idrico sotterraneo compreso tra i 21 e i 30 metri/giorno, mentre le misure sul campo eseguite da UNIMORE su una buona distanza dal sito di progetto mostrano una velocità prossima a 5 metri/giorno, ovvero 5 – 6 volte inferiori a quella indicata dal Prof. Raggi.

2. Eventuale inquinamento pozzi Fornola: su questo punto, ossia che in una remota possibilità un eventuale inquinante rilasciato dal sito di progetto possa raggiugere i pozzi ad uso idropotabile di Fornola, lo studio afferma che, per quanto non esista in alcuna attività produttiva un rischio zero, l’eventuale sostanza inquinante immessa nell’impianto impiegherebbe circa 200 giorni prima di raggiungere i pozzi e non poche ore, come affermato dal prof. Raggi.

Considerando pertanto questi tempi di percorrenza dall’impianto alle falde e i sofisticati sistemi di monitoraggio previsti, si avrebbe tutto il tempo di valutare l’ipotetico rischio e di adottare le eventuali necessarie contromisure per rendere trascurabile l’impatto e, di conseguenza, irrilevante la componente inquinante.

3. Percorso del flusso idrico sotterraneo: su questo aspetto, si può osservare che il percorso che considera e ipotizza il Prof. Raggi, attraverso il quale può essere veicolato un inquinante, non passerebbe dal sito di progetto ma sarebbe spostato più ad Est collegando i pozzi di S. Stefano Magra ai pozzi Fornola in sponda sinistra".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News