Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Giugno - ore 16.19

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il Parco delle Farfalle di Ceparana compie due anni

Il Parco delle Farfalle di Ceparana compie due anni

Sarzana - Val di Magra - Venerdì scorso a Ceparana si è tenuta la partecipatissima festa in occasione del II compleanno del Parco delle Farfalle. Un progetto realizzato dall’Associazione Su la Testa onlus con il contributo della Fondazione Carispezia - in quanto vincitore del bando 2016 “Verso un Welfare di Comunità: la famiglia come risorsa -, in collaborazione con Associazione Nuove Generazioni onlus - Pubblica Assistenza e Istituto Comprensivo “A. Manzoni” ISA 20 di Bolano.

La Festa ha preso il via al suono solenne della Fanfara della Marina Militare (Diretta dal Maestro Luogotenente Vito Ventre), presente al completo in amichevole gratuita partecipazione promossa da uno dei custodi del parco e attivissimo membro dell'Associazione: il luogotenente Pietro Silvestri.

Il benvenuto commoso alla comunità festante è stato rivolto dal sindaco Alberto Battilani, (presenti anche il vicesindaco e l'assessore ai servizi sociali) che volendo operare una riqualificazione urbanistica dell'area in cui sorge il parco si rivolse in modo lungimirante al mondo dell'associazionismo territoriale anche in questa occasione ampiamente rappresentato.

Gli onori di casa sono stati fatti da Pasquale Giacomobono, in quanto presidente dell'Associazione Su la testa, capofila nella progettazione e nella gestione del Parco e neo assessore del Comune di Follo.

Sono intervenuti anche il Sindaco e l'assessore ai servizi sociali del Comune di Riccò del Golfo, l'assessore ai servizi sociali del comune di Calice al Cornoviglio ed il Dottor. Marco Formato direttore del distretto socio-sanitario che nel suo intervento ha sottolineato l'importanza dei valori della condivisione e della sostenibilità ben radicati nel progetto.
La dott.ssa Enza Famulare, progettista e responsabile educativa del Parco ha ringraziato tutti coloro che avendo fatto proprio un bene comune ne stanno avendo cura, primi fra tanti i gestori diversamente abili e gli educatori del Centro “Il Nuovo Volo”.

Ha riportato agli intervenuti le parole della Dott.ssa Elisabetta Dodi di Fondazione Carispezia che ha parlato in sede valutativa di un “capitale di rete” costituitosi negli anni attraverso l'abitare il parco ed ha sottolineato come l'elevata “qualità relazionale” dei legami costituitisi o rafforzatisi attraverso questo progetto fossero visibili e tangibili a tutti anche in occasione delle festa: la presenza dello Stato (Fanfara della Marina Militare e massime cariche amministrative del territorio), delle istituzioni locali (Istituto Isa 20 di Bolano), dell'associazionismo e dell'impresa sociale, (ad es. la Cooperativa FORME di Sondrio ha portato le proprie creazioni di riuso creativo) e della Comunità tutta.

Una festa che ha davvero riempito gli occhi ed il cuore di bellezza e speranza a partire dal poter constatare che a distanza di due anni benchè il parco sia una creatura non protetta da cancelli e barriere è cresciuto senza subire danni e deturpazioni.

Il parco è un laboratorio all'aperto dell'arte del vivere insieme: quest'anno si è deciso quindi di dar vita ad un'altra importante costruzione comune: l'orto sociale, inaugurato sul fondo del parco dai primi ad essere arrivati con una piantina - una mamma senegalese e la sua bambina ed una nonna ceparanense e la sua nipotina. Si perchè il parco è diventato luogo di incontro tra diverse culture e generazioni, proprio come si desiderava, in cui ognuno apporta il proprio personale contributo per il benessere della comunità.

La festa si è chiusa con il taglio della torta preparata ed offerta anche quest'anno dai signori Carnelevare, e la distrubuzione dei doni preparati dalle persone diversamente abili gestori del parco: dei sacchetti di semi recante la scritta: “Il bene non si fa. Si semina!” Educare è come seminare. Come Madre Teresa ha detto: c'è un frutto che matura in ogni stagione ed è alla portata di ogni mano: l'amore. Che non manchi mai questo frutto, che non manchino mai le mani per seminare e seminare ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News