Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Settembre - ore 19.53

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Giornata della memoria e dell'impegno contro le vittime delle mafie

Cavara: "Sarzana tutt'oggi resta una città ferita dalla tragica morte dello studente Dario Capolicchio".

"capitale della legalità"
Giornata della memoria e dell'impegno contro le vittime delle mafie

Sarzana - Val di Magra - Sarzana, capitale della legalità. Domani infatti, come noto, in occasione della XXIII edizione della Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie, Sarzana sarà la città ligure simbolo della lotta alla criminalità e della difesa della legalità. Un riconoscimento che viene da lontano e che il sindaco Cavarra rivendica fin dai tempi in cui sedeva sui banchi del Consiglio regionale ligure e fu il relatore della proposta, poi divenuta legge, che prevede una serie di prescrizioni per contrastare l'infiltrazione mafiosa sul territorio. “La norma regionale del 2012 – spiega Cavarra– fu uno spartiacque importante che ha dichiarato la volontà delle Istituzioni a impegnarsi in prima linea su questo fronte. Fra i punti salienti della legge ricordo la sottoscrizione di protocolli d'intesa con la direzione distrettuale antimafia, con la direzione investigativa antimafia e le altre forze dell'ordine, l'obbligo della Regione di costituirsi parte civile nei processi di mafia, il sostegno all'uso sociale dei beni confiscati e alle vittime dei reati. Quella norma, di cui tutt'oggi vado orgoglioso, contiene strumenti veri ed efficaci per contrastare il pericolo che incombe sul territorio ligure il cui tessuto sociale-economico ha, come sempre ho sostenuto, tutti gli anticorpi necessari a resistere alla penetrazione mafiosa".

Sarzana tutt'oggi resta una città ferita dalla tragica morte dello studente Dario Capolicchio nella strage di via Dei Georgofili a Firenze. "Anche per questo, subito dopo il mio insediamento, ho istituito un assessorato alle politiche per la cultura della legalità affinché l'intera amministrazione fosse impegnata a fianco del mondo associativo nel favorire, soprattutto fra le giovani generazioni, la responsabilizzazione e la conoscenza dei rischi legati al fenomeno mafioso. Tutti siamo rimasti profondamente colpiti, lo scorso anno, quando in piazza Matteotti, nell'ambito dell'iniziativa “La memoria in marcia” è arrivata la “Quarto Savona Quindici”, il cubo di rottami dell'auto della scorta del giudice Falcone morto nella strage di Capaci. Tutti, soprattutto i ragazzi dell'istituto Parentucelli-Arzelà che erano presenti, hanno visto la ferocia e la crudeltà della mafia. Dobbiamo però ricordare anche i “successi” della lotta alla criminalità da parte delle forze dell'ordine che hanno portato alla confisca di alcuni beni (la villa di via Ghigliolo e l'appartamento di via Landinelli) a cui è seguita la scelta dell'Amministrazione di metterli a disposizione della collettività sarzanese. Domani, 21 marzo, l'intera comunità sarzanese sarà unita per ricordare e commemorare le vittime innocenti delle stragi mafiose in un solenne momento di cordoglio ma anche di fiduciosa speranza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News