Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Marzo - ore 20.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Esposto su Saliceti: "Sindaco ha responsabilità penali?"

Nel mirino dei firmatari la mancata presentazione del Parere sanitario da parte del primo cittadino Fiorenzo Abruzzo.

"MOLESTIE OLFATTIVE"
Esposto su Saliceti: "Sindaco ha responsabilità penali?"

Sarzana - Val di Magra - Un esposto alla Procura perché verifichi eventuali responsabilità penali del sindaco Pd di Vezzano, Fiorenzo Abruzzo, in materia di omissioni di atti di ufficio in relazione al mancato e immotivato rilascio del Parere sanitario, con relative prescrizioni, per quanto riguarda l'impianto di trattamento rifiuti indifferenziati di Saliceti. Un testo, preparato dal noto giurista ambientale Marco Grondacci, che sta macinando firme propedeutiche alla presentazione alla magistratura. Per sottoscriverlo occorre recarsi all'edicola tabaccheria di Ponzano Madonnetta, lungo la Via Cisa. Il punto attorno a cui ruota l'iniziativa legale è, come accennato, il mancato rilascio del Parere sanitario in sede di rilascio di Aia (Autorizzazione integrata ambientale) da Parte della Provincia, rilascio avvenuto nel 2015. Un pronunciamento, quello non emesso dal primo cittadino vezzanese, ritenuto obbligatorio dai promotori dell'esposto – tra i quali numerosi animatori del Comitato No Biodigestore - “perché propedeutico a perfezionare l'atto finale, cioè l'Aia” e in virtù del comma 6 articolo 29 quater Dlgs 152/2006 che prevede “che il Parere sanitario del sindaco sia acquisito dalla Conferenza dei servizi”, come illustrato nell'esposto, in cui si parla di “vizio procedurale” che “può essere propedeutico ad attivare la richiesta di revisione dell'Aia”.

Inoltre, riprendendo un parere della Provincia diffuso lo scorso autunno dal sindaco Abruzzo, l'esposto tuona che “la dichiarazione della Provincia di non considerare l'impianto di trattamento meccanico biologico di rifiuti come industria insalubre non solo non è vera e non spetta alla Provincia, ma è finalizzata a dimostrare la non necessità del Parere sanitario del sindaco, quindi a rimuovere un obbligo di legge ben definito dal Testo unico ambientale e dalla giurisprudenza in materia”.

Le ragioni dell'esposto stanno tutte nel rapporto difficile tra cittadinanza e impianto, benché negli anni siano stati apportati correttivi per renderlo meglio sopportabile. “L'impianto – si legge ancora – ha fin dalla sua apertura prodotto forti disagi ai residenti delle zone vicine soprattutto per l forti emissioni odorigene […] Nonostante le prescrizioni dell'Aia in relazione alle molestie olfattive queste ultime continuano a sussistere e a produrre disagi ai residenti”. Si segnala altresì come “le emissioni dell'impianto non hanno mai avuto alcun studio organico sugli effetti prodotti sulla salute dei cittadini residenti interessati dalle ricadute delle stesse”. Palla quindi alla magistratura, che i cittadini chiamano a esprimersi, come anticipato, su eventuali responsabilità penali del primo cittadino Abruzzo – che fra un paio di mesi concluderà la sua esperienza di sindaco – e a valutare altre eventuali ipotesi di reato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News