Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Giugno - ore 10.03

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore: la Regione non risponde, interviene il Difensore civico

La mossa dell'avvocato Piera Sommovigo, neoconsulente del Comune di Santo Stefano al pari del giurista ambientale Marco Grondacci.

CONSIGLIO COMUNALE

Sarzana - Val di Magra - Un pubblico di oltre cento persone ha seguito oggi a Santo Stefano di Magra l'ennesimo consiglio comunale a tema biodigestore. La seduta, aperta dall'intervento del sindaco 'in trasferta' Massimo Bertoni - venerdì sarà proclamato primo cittadino di Vezzano -, che ha ribadito il suo impegno contro l'impianto, è proseguita con vari interventi politici (anche extra consiglio, vedi il consigliere regionale Battistini, che ha parlato altresì a nome del collega Michelucci) e soprattutto con la prima uscita pubblica in veste di consulenti del Comune da parte dell'avvocato Piera Sommovigo e del giurista ambientale Marco Grondacci, già attivi in coppia contro il digestore di Isola del Cantone. "Due professionisti che hanno la fiducia mia e dei comitati", l'investitura del sindaco Paola Sisti. E per i menzionati comitati è intervenuta Carla Bertolotti, animatrice di Vivere bene la Macchia, uno dei tanti sodalizi del Coordinamento che si oppone al digestore di rifiuti organici previsto, almeno a momento, in località Saliceti.

L'avvocato Sommovigo ha spiegato le sue prime mosse: "A inizio maggio - ha esordito - il sindaco ha fatto accesso agli atti presso il Dipartimento ambiente della Regione per avere tutti gli atti relativi alla pratica digestore. Il termine di legge per avere una risposta, trenta giorni, è scaduto senza che ci sia stato alcun riscontro. La nostra decisione è stata rivolgerci quindi a Difensore civico regionale, che è l'ex procuratore capo di Genova Francesco Lalla, persona competente e disponibile. Lo abbiamo incontrato la scorsa settimana esponendo il problema di accesso agli atti e lui si è subito attivato, facendo sua la nostra istanza, con l'obbiettivo di avere tutta la documentazione. Non solo quella progettuale, ma anche tutti gli atti propedeutici, gli scambi tra amministrazioni, i pareri, i verbali delle conferenze dei servizi e quant'altro. Il tutto per avere un quadro cmleto che ci consentirà di trovarci nella condizione più salda e forte possibile in caso di ricorso al Tar. Credo ce ce la possiamo fare". Il giurista Grondacci, dopo le tante prese di posizione pubbliche di questi mesi, ha ribadito di ritenere non consona la procedura che si sta seguendo per realizzare l'impianto e ha invitato la Provincia, "ente deputato a scegliere i siti, a fare uno scatto di dignità istituzionale rivendicando le sue competenze". Sottolineato che "se cambi sito smentendo il Piano rifiuti devi rifare la Vas", ha altresì ricordato come, in linea con quanto riportano gli allgati del Piano rifiuti 2003, "se per Boscalino si parla di problemi logistici, per Saliceti ci sono ostacoli ben più consistenti, di natura ambientali, visto il rischio indondazione e la prossimità a fiume e falde acquifere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News