Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 26 Maggio - ore 20.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Digestore, Grondacci: "Cittadini e Comuni si rivolgano al Tar"

Il giurista ambientale attacca la Regione: "Quella deliberazione riguarda il Ponte Morandi, non Saliceti".

Ma i ricorsi costano

Sarzana - Val di Magra - Il nome del giurista ambientale Marco Grondacci è circolato a più riprese venerdì scorso alla partecipata assemblea a tema biodigestore tenutasi in Corea, al Piano di Vezzano. Il fronte del no – o almeno una sua corposa fetta – vorrebbe infatti vedere l'esperto pienamente coinvolto dagli enti comunali interessati dal progetto nella battaglia per scongiurare l'insediamento del presidio industriale a Saliceti. E lo stesso mancato candidato sindaco del capoluogo in quota pentastellata oggi, con una delle sue Note, interviene proprio sul tema digestore, ribadendo una serie di concetti, alcuni dei quali già illustrati in occasione dell'iniziativa allestita il mese scorso nella sala parrocchiale di Santo Stefano, con ospiti i 'no digestore' di Isola del Cantone.

L'intervento odierno del giurista mette nel mirino la condotta della Regione Liguria. Tra i vari punti dolenti, si sofferma sulle modalità con cui il Piano di Ambito Regionale per i rifiuti può esser rivisto. “Risulta con chiarezza che solo con un report specifico (traguardato al 2020) si potrà parlare di una revisione del Piano ma solo in caso di mancato rispetto delle tempistiche previste dal Piano stesso. Invece nel quadro programmatico dello Studio di Impatto Ambientale presentato per il progetto di Biodigestore a Saliceti (in pieno contrasto con quanto previsto dal Piano di Ambito) si legge che la giustificazione dello spostamento del sito da Boscalino a Saliceti è nella delibera del Comitato di Ambito n°10 del 13/12/2018 che si riferisce al piano di emergenza fino al 2020 (problematiche di gestione flussi rifiuti urbani e assimilati dopo il crollo del Ponte Morandi) ma che non tratta minimamente del sito del biodigestore spezzino”. Nel Programma straordinario allegato alla deliberazione si parla di Saliceti solo in relazione all'esistente impianto che tratta indifferenziato. Per Grondacci è come se “nel Comitato di Ambito hanno una sfera di cristallo e sono riusciti ad anticipare ora quello che succederà dopo il 2020 e oltretutto citando a giustificazione dati su quantità dei rifiuti organici da smaltire nell’ipotizzato biodigestore spezzino che sono gli stessi previsti dal Piano di Ambito Regionale approvato nell’agosto del 2018: 60.000 tonnellate/anno comprensive di quelle prodotte nel Tigullio genovese”.

Per il giurista “è indiscutibile che questo modo di procedere della Regione sia illegittimo. Come ho già avuto modo di spiegare se il Piano non va più bene deve essere modificato. Ci vuole un nuovo Piano, una nuova Vas mettendo a confronto non solo ipotesi di sito ma anche di tecnologie per chiudere il ciclo dei rifiuti compresi gli organici. Fuori da questo percorso amministrativo non sono accettabili Inchieste Pubbliche di nessun genere perché trasformerebbero il tutto in una 'guerra' tra siti insensata”. Inchiesta pubblica alla quale la Regione ha recentemente aperto. “Per quanto mi riguarda se la Regione, con l’avvallo per ora silente della Provincia spezzina, continuerà su questa linea ritengo che i cittadini e i Comuni interessati debbano boicottare la prospettata Inchiesta Pubblica e prepararsi a ricorrere alla giustizia amministrativa (cioè il Tar, ndr) per il momento”, conclude Grondacci. Una via, quella legale, menzionata anche l'altra sera in Corea, con tanto di 'previsione' dei costi, che andrebbero dagli 8mila ai 15mila euro. Somme certo non trascurabili, ma è vero anche che la mobilitazione conta su un fronte nutrito. Senza dimenticare quei sodalizi che potrebbero decidere di contribuire in modo importante: del resto sempre alla riunione vezzanese Pietro Serarcangeli, presidente di Afea (Associazione famiglie esposti amianto) e consigliere comunale (Santo Stefano popolare) ha detto che l'associazione da lui guidata potrebbe certo metter mano al portafoglio per contrastare l'ipotesi digestore. Intanto stasera alle 21.00 alla ex Vaccari nuova assemblea alla presenza del sindaco di Santo Stefano, Paola Sisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News