Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Novembre - ore 17.01

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Comitato contro il biodigestore scrive al Difensore Civico

Gli attivisti chiedono "tempestivo intervento sul chiaro inadempimento del sindaco di Vezzano e su esercizio della funziona della Provincia"

"no saliceti"
Comitato contro il biodigestore scrive al Difensore Civico

Sarzana - Val di Magra - “Dalla diffida presentata  al sindaco di Vezzano sono trascorsi ben 72 giorni contro i 30 previsti per legge per avere una “parziale ed inaccettabile non” risposta  dal Sig. Abruzzo, per questo continua la nostra azione legale ed in data 19 ottobre abbiamo presentato al Difensore Civico Regionale la nostra segnalazione, pronti a non fermarci per difendere il nostro diritto alla salute”. Così i membri del comitato “No Biodigestore Saliceti” che nel documento presentato al difensore civico spiegano: “Fermo restando il modo irrituale della risposta del Sindaco in quanto l’istanza era rivolta a chiedere l’esercizio di una funziona che la legge riconosce precipuamente al Sindaco come Autorità Sanitaria presente nel territorio rileviamo che la nota della Provincia contiene affermazioni che costituiscono a nostro avviso una lettura non corrispondente al dettato normativo. In particolare vogliamo sottolineare come la Provincia per giustificare la omissione del Sindaco arrivi a sostenere ciò che a nostro avviso non corrisponde al dettato della legge e oltretutto esercitando una funzione che non gli compete in quanto come è noto la dichiarazione di insalubrità di una industria rientra nelle funzioni del Sindaco supportato dall’ASL territorialmente competente. Non solo ma volendo restare al dettato normativo in materia gli impianti che trattano rifiuti (a prescindere dalla tecnologia usata) rientrano nella classificazione delle industrie insalubri di prima classe. Non solo – aggiungono - ma la dichiarazione della Provincia della Spezia di non considerare l’impianto di trattamento meccanico biologico di rifiuti come industria insalubre non solo non è vera e non spetta alla Provincia ma è finalizzata a dimostrare la non necessità del Parere Sanitario del Sindaco quindi a rimuovere un obbligo di legge ben definito dal testo unico ambientale e dalla giurisprudenza in materia”.
Il comitato chiede quindi al Difensore Civico “un tempestivo intervento sul chiaro inadempimento del Sindaco del Comune di Vezzano Ligure nonché sull’esercizio di una funzione da parte della Provincia non rientrante nelle sue competenze e volta a rimuovere una omissioni del primo rappresentante della Amministrazione Comunale di Vezzano Ligure”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News