Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Febbraio - ore 17.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Cinque Terre in spopolamento, Val di Magra tiene botta

I numeri di Istat dal 2015 ad oggi raccontano l'inverno demografico della periferia provinciale. Con qualche eccezione.

Capoluogo, lieve flessione
Cinque Terre in spopolamento, Val di Magra tiene botta

Sarzana - Val di Magra - Ben 116mila italiani in meno nel 2019 rispetto all’anno precedente. Lo dice l'Istat, sgranando i numeri di un calo demografico che prosegue ormai costante da qualche anno. La popolazione italiana attuale è quindi di 60 milioni e 317mila unità. Circa mezzo milione in meno rispetto al massimo storico raggiunto nel 2015. L'Istituto nazionale di statistica spiega che il decremento è particolarmente forte al Sud (-6,3 per mille abitanti) e un po’ meno al Centro (-2,2 per mille), mentre al Nord la popolazione è in aumento benché leggero (+1,4 per mille). “La discesa è il risultato di diversi fattori come il basso numeri di figli – soprattutto da parte degli italiani 'nativi', mentre gli immigrati tendono ad averne di più - che non riesce a compensare il numero di decessi. Nel 2019 sono nati infatti 435mila bambine e bambini mentre sono morte 635mila persone: per ogni cento deceduti nascono oggi 67 bambini, mentre dieci anni fa ne nascevano 96. Questa differenza viene (in qualche misura) attenuata dal saldo fra espatri e arrivi dall’estero, dove troviamo 307mila iscrizioni all’anagrafe italiana e 146mila cancellazioni verso altre nazioni”, spiegano dal Sole24Ore.

E come è andata la 'questione' demografica nello Spezzino dal 2015 ad oggi? Il quinquennio ha visto un calo di residenti in quasi tutti i comuni della provincia, ora con numeri maggiori, ora con valori più lievi. Ma non manca qualche eccezione, su tutte il comune di Santo Stefano di Magra, che ha visto la sua popolazione salire del 6.9 per cento superando i 10mila abitanti. Col segno più – indicatore tuttavia di aumenti più gracili – anche i comuni di Brugnato e Sarzana, entrambi cresciuti dello 0.7 per cento nel corso del quinquennio. Nel medesimo intervallo temporale lo spopolamento ha colpito duro a Vernazza (-7.4 per cento), Riomaggiore (-6.8) e Bonassola (-6.7): questo il podio dell'inverno demografico provinciale. Subito sotto c'è Varese Ligure, che dal 2015 ad oggi ha perso il 6.2 per cento dei residenti. Tra il 5 e il 6 per cento di abitanti smarriti lungo la strada figurano i comuni di Deiva e Maissana, tra il 4 il 5 invece ci sono Zignago, Carrodano, Borghetto, Pignone, Monterosso, Porto Venere, quest'ultimo che dall'altro capo del Golfo viene guardato da una Lerici che ha perso il 3 per cento di lericini. Il capoluogo La Spezia ha tenuto (-0.8 per cento) e la Val di Magra ha fatto registrare, oltre ai menzionati incrementi santostefanesi e sarzanesi, soltanto delle lievi o lievissime flessioni (la sola superiore al 2 per cento è quella amegliese). A ridosso del comune capoluogo ci sono il quadro stazionario di Riccò (-0.6 per cento), il -2.1 per cento di Follo e, un passo in più verso nord, il -3.5 di Beverino. Completano il novero i cali tra il 3 e il 4 per cento di Calice, Carro e Rocchetta, nonché i decrementi di Levanto (-2.9) e Framura (-1.8), decisamente meno forti di quelli patiti nel resto di Riviera e Cinque Terre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News