Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 05 Dicembre - ore 19.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Canessa: "San Bartolomeo saturo di pazienti gravi"

L'ex pneumologo: "Estate trascorsa senza che la medicina territoriale sia stata potenziata. Documento Alisa/Bassetti su gestione domiciliare ha grossi limiti".

covid a sarzana e in provincia
Canessa: "San Bartolomeo saturo di pazienti gravi"

Sarzana - Val di Magra - “L’Ospedale di Sarzana è saturo di pazienti gravi”. E' quanto scrive sulla propria pagina Facebook Pier Aldo Canessa – ex candidato di Articolo Uno alle regionali ma anche ex primario del San Bartolomeo. "La Pneumologia è piena di pazienticon 'Casco' - afferma - oltre i sedici regolari. Dato che i posti in terapia intensiva sono quasi pieni, bisognerebbe aprire altri reparti con competenze in O2 terapia con Casco e ventilazione non invasiva. Ma non ci siamo preparati con assunzione di pneumologhi, formazione specifica su altri specialisti e piano organizzativo. L’affollamento dell’ospedale poteva essere minore? L’estate è trascorsa senza che la medicina territoriale sia stata potenziata. Con il decreto del 9 marzo scorso – spiega Canessa - il governo stabiliva che le Regioni dovessero istituire le Usca (in Liguria chiamate Gsat), unità speciali di continuità assistenziale, stanziando 61 milioni di euro. Le Usca/Gsat sarebbero dovute partire a marzo, entro dieci giorni dall’entrata in vigore del decreto. Almeno una ogni cinquantamila abitanti. Le Usca/Gsat sono squadre di medici e infermieri che curano i malati Covid per assisterli a domicilio. Fanno tamponi e prelievi del sangue, somministrano le terapie e monitorano lo stato della malattia. Lasciano al paziente un saturimetro. Dovrebbero effettuare ecografie toraciche per valutare le polmoniti. Si tratta di interventi coordinati con i medici di famiglia che forniscono supporto a famiglie e anziani, cercando di evitare ricoveri. In ASL 5 Le Gsat sembra facciano i tamponi..”.

Canessa poi prosegue: “Ho letto il documento Alisa/ Bassetti sulla Gestione Domiciliare dei pazienti Covid (10 novembre 2020). Mi sembra abbia una grossa limitazione: mancanza dello Pneumologo. Questo comporta: una limitata competenza sulla Saturazione O2 (esempio in soggetto giovane una saturazione di 93 può già indicare impegno polmonare importante) e la mancanza della Ecografia toracica a domicilio per la diagnosi tempestiva di polmonite. Nel documento Alisa/Bassetti si pone sospetto di polmonite interstiziale solo con de-saturazione 93% e solo a questo punto si inizia il cortisone a domicilio (Saturazione sotto 93%); si invia il paziente in ospedale con saturazione 90%. Quindi non si anticipano le cure e non si riduce il numero di aggravamenti che necessiteranno di ospedalizzazione. Il documento indica di tenere il paziente a casa fino al momento in cui non ci sia necessità di Ossigeno con Sat O2 sotto i 90%. In questo caso il ricovero può essere tardivo. L’utilizzo a domicilio dell’ ecografo permette (dimostrato anche da lavori scientifici) la diagnosi di impegno interstiziale e iniziare subito terapia cortisonica, non aspettare 4 giorni di febbre altra o chiari segni di polmonite (de-saturazione a riposo). In conclusione il documento Alisa/Bassetti ritarda la terapia domiciliare con Cortisone e ritarda il ricovero che diventa grave, a causa di una diagnosi non tempestiva di Polmonite interstiziale. La mancanza assoluta della figura dello pneumologo nel produrre il documento Alisa/Bassetti in una patologia che porta all'exitus per insufficienza respiratoria è qualcosa che proprio non riesco a comprendere. Per l’ ecografia toracica – conclude - ci vuole formazione specifica, ma assicuro che si può fare: io ho iniziato a piu’ di 55 anni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News