Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre - ore 20.50

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Armando Bellegoni, un norcino in cattedra

un'antica sapienza
Armando Bellegoni, un norcino in cattedra

Sarzana - Val di Magra - Come si fa un salame? Quali carni e droghe ci vogliono per una buona salsiccia? Perché del maiale non si butta via mai niente? Quanto tempo necessita per una buona stagionatura dei vari salumi? Il re dei norcini, il sarzanese Armando Bellegoni, è diventato per un giorno prof insegnando agli studenti dell’Agrario tutti i segreti della lavorazione e della vendita del suino (tutti tranne uno: la composizione delle spezie, una caratteristica sacra e inviolabile per chi fa questo mestiere).
Armando ha saputo intrattenere e rispondere alle loro domande per due ore i ragazzi di tre classi, 4F, 4G e 5G, dell’Agrario. Ragazzi accompagnati dai professori Massimo Caleo, Silvio Baudoni e Jessica Aliotta, nell’incontro tenuto nella sala conferenza dell’istituto superiore di via dei Molini, con le direttive del dirigente Generoso Cardinale.

Si è trattato di una vera e propria 'lectio magistralis' in cui il norcino sarzanese ha illustrato il suo mestiere e le sue notevoli competenze che gli sono valse, oltre alle soddisfazioni lavorative, il cavalierato della Repubblica e proprio di recente il premio ‘Alberini’ dell’Accademia italiana della cucina. E un’altra bella soddisfazione: quattro generazioni al lavoro nella norcineria.
Anzitutto Armando ha ripercorso le tappe della sua vita professionale: dalle prime lavorazioni del maiale con lo zio norcino nelle campagne sarzanesi, al negozio aperto negli anni Sessante in via Landinelli, fino al laboratorio in via Boettola e al negozio di via Gori a Sarzana. Il tutto condito da un unico filo conduttore: la passione per la lavorazione del maiale.

Si è soffermato sulla parte acquisti a Parma nei luoghi di macellazione del Consorzio del prosciutto e sulle sue principali ‘creature’ come la salsiccia, la soppressata e il famoso mandolino. Tanto famoso che qualcuno ha cercato di imitarlo. Parliamo di un salume a forma dello strumento musicale a corde, della famiglia dei culatelli e, incredibile ma vero, che regge la stagionatura a livello del mare come Armando ha subito intuito.
Il prof Massimo Caleo ha fatto gli onori di casa e tenuto le fila della lezione di Armando dopo aver spiegato insieme ai prof Silvio Baudoni e Jessica Aliotta, il ciclo di conferenze dell’Agrario dal titolo “La potenza della natura e la creatività dell’uomo” rivolto alla conoscenza dei prodotti locali agricoli ed enogastronomici e dei loro interpreti principali, iniziato proprio con il norcino Armando.

Quest’ultimo ospiterà ora i ragazzi a piccoli gruppi, per terminare la lezione sotto il profilo pratico, nel laboratorio di via Boettola alle porte di Sarzana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News