Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Ottobre - ore 12.21

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Sulla linea demaniale inspiegabile inerzia delle autorità competenti"

Le associazioni che hanno presentato l'esposto: "Deve essere spostata più a monte di quella attuale".

a marinella
"Sulla linea demaniale inspiegabile inerzia delle autorità competenti"

Sarzana - Val di Magra - L’associazione civica Sarzana in movimento, col presidente Valter Chiappini, il Comitato Sarzana che Botta, con la presidente Roberta Mosti, le sezioni spezzine di Legambiente e Italia Nostra, coi rispettivi responsabili locali Stefano sarti e Gianfranco Damiano, hanno depositato un esposto per riportare l'attenzione dal teatrino sulla gestione delle spiagge libere e del retrospiaggia in generale, al problema annoso della definizione della linea demaniale, ferma da anni nonostante i solleciti, che vede il nostro comune, unico sulla costa tirrenica, a non avere il totale controllo degli arenili ed eventuali pertinenze di servizio alle spiagge libere.
“E’ palese e supportato dalle evidenze dei fatti - dicono - e dalle testimonianze dirette e fotografiche della situazione durante e post mareggiate, che la linea demaniale debba essere spostata più a monte della attuale delimitazione, fin dove arriva l’onda di mareggiata, e che le aree atte agli usi del mare e della balneazione debbano essere demaniali. L'inerzia delle autorità competenti, dalla capitaneria al Comune o al demanio regionale è inspiegabile. Gli amministratori locali, se non riescono a porsi nell'ottica della difesa di un bene comune, dovrebbero almeno porsi la questione dell'incidenza del problema sul rilancio del litorale. Quale sicurezza dovrebbe avere chi investe milioni per spostare e ricostruire le strutture di servizio alle spiagge, oggi in area di concessione demaniale, più a monte, in quella che oggi è una striscia privata? Chi investirebbe per acquistare una striscia oggi privata e rivalutata enormemente dal “piano spiagge”, col rischio di vedere il suo investimento assorbito da una nuova delimitazione della linea demaniale?”.
“Del resto - aggiungono - pure il piano particolareggiato previsto dai progettisti Ing. Chirico ed Arch. Lucchesini prevede, obbligatoriamente che le strutture di servizio alle spiagge, oggi previste in proprietà privata, siano costruite su palafitte per far passare sotto l’onda di mareggiata, a dimostrazione del fatto che l’area dove dovrebbero essere spostate viene invasa dall’onda di mareggiata e, quindi, da considerarsi demaniale. Un’errata delimitazione della linea demaniale rispetto alle normative vigenti potrebbe inoltre comportare, oltre ad uno stallo dell’iter del piano di rilancio del litorale, anche un danno alle casse del comune e della regione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News