Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Settembre - ore 10.13

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia
56,13%
38,90%
2,42%
0,89%
0,52%
0,46%
0,24%
0,18%
0,17%
0,08%
Ultimo aggiornamento: 22/09/2020 10:02:52 Sezioni 1795 di 1795

"Siamo i figliastri che devono prendersi il digestore"

Intervento di No Biodigestore Saliceti, Sarzana, che botta!, Acqua Bene Comune, Legambiente, Cittadinanzattiva, Italia Nostra

Sarzana - Val di Magra - Condividiamo il pensiero espresso dal presidente della Regione Giovanni Toti secondo cui la protezione civile è cultura. Converrà con noi il presidente Toti che cultura della protezione civile è innanzitutto prevenzione, principio di precauzione. Da oltre due anni siamo impegnati a contrastare il progetto di digestore da novantamila tonnellate di rifiuti organici a Saliceti sia perché è fuori dalla pianificazione regionale e provinciale, che aveva superato la valutazione ambientale strategica, sia per i rischi per la falda che alimenta i pozzi di Fornola, serbatoio di acqua potabile per due terzi della provincia all’insaputa del sindaco Peracchini.
La protezione civile si fonda sulla prevenzione dei rischi. Quel rischio non è negato neppure dall’università di Modena: lo minimizza, scrivendo che gli inquinanti (ammoniaca) arriverebbero diluiti. In caso d’incidente (che può capitare come dimostra l’incendio nel 2013 al TMB di Saliceti, che aveva passato il vaglio dei Vigili del fuoco) saranno necessarie autobotti per fornire d’acqua potabile La Spezia e i comuni serviti da Iren. Il principio di precauzione consiglia di non fare impianti pericolosi in zone a rischio.

Consideriamo invece offensivo il richiamo dell’assessore all’ambiente Giampedrone alla famiglia. “Siamo una grande famiglia e non c’è niente di più bello che aiutare il prossimo”, ha detto. Assessore Giampedrone è offensivo pronunciare certe romantiche parole in un luogo dove è già in funzione un impianto TMB per i rifiuti indifferenziati capace di smaltire 105 mila tonnellate l’anno, di cui 65 mila da Genova e dove si vuole realizzare un digestore per Forsu da 90 mila tonnellate di cui sessantamila del Levante genovese. La famiglia di cui lei parla è composta di figli e figliastri, dove i figliastri abitano tutti in Val di Magra e i figli nel privilegiato levante genovese che non sarà caricato neppure di un impianto. I figliastri si devono far carico di chiudere il ciclo dei rifiuti anche per i privilegiati.

Rinnoviamo alle forze politiche che sostengono la giunta regionale e provinciale, in particolare la Lega della senatrice Stefania Pucciarelli, e Liguria Popolare del vicepresidente della Provincia Francesco Ponzanelli, di battere un colpo decisivo prima delle elezioni per rivendicare i diritti dei “figliastri” di Giampedrone. Nel contempo chiediamo alle forze politiche di centrosinistra, in particolare PD e Italia Viva che governano Vezzano Ligure, di mostrare determinazione nel contrastare con ogni mezzo, a partire dalla Conferenza dei servizi fino al TAR, un progetto che fa a pugni col principio di prevenzione cardine della Protezione civile.

No Biodigestore Saliceti, Sarzana, che botta!, Acqua Bene Comune, Legambiente,
Cittadinanzattiva, Italia Nostra

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia
















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News