Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Settembre - ore 11.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Moduli unica alternativa in attesa di una nuova scuola"

Mione e Sarzana per Sarzana offrono la propria soluzione. Il consigliere comunale: "Quando avevamo proposto di spostare classi al Parentucelli ci era stato detto di no, ora va bene".

assemblea sulle poggi-carducci
"Moduli unica alternativa in attesa di una nuova scuola"

Sarzana - Val di Magra - Installare moduli per far svolgere le lezioni in totale sicurezza e investire nella costruzione di una nuova struttura. Queste le idee dell'associazione Sarzana per Sarzana per risolvere la problematica dell'indice di vulnerabilità sismica delle scuole Poggi-Carducci. Tema che domani sarà al centro di un consiglio comunale straordinario e che mercoledì vedrà la sindaco Ponzanelli di fronte ai genitori, ma che oggi è stato affrontato dalla formazione rappresentata in consiglio da Paolo Mione. “Un incontro promosso per chiarire le idee e non per confonderle” ha spiegato in apertura la segretaria Claudia Dicasale prima degli interventi che hanno riproposto dubbi e perplessità a pochi giorni dall'inizio del nuovo anno scolastico.

“Mi spiace che Ponzanelli e la maggioranza non abbiano risposto al nostro invito – ha sottolineato Mione – questo è un argomento delicato e di stretta attualità e siamo sicuri che un confronto con l'amministrazione avrebbe potuto fare chiarezza. Il problema nasce da lontano, da quando Chiappini ha scoperto la perizia ma oggi siamo ancora distanti sia dall'indice 0,8 previsto, sia dallo 0,6 indicato come limite minimo di salvaguardia della vita. Siamo stati accusati di fare terrorismo – ha sottolineato l'ex candidato sindaco – ma questa non è campagna elettorale, siamo preoccupati perché si mandano ragazzi al Liceo, il cui indice è basso, e a Crociata dove non sappiamo nemmeno se ci sia un piano sicurezza. Fra l'altro – ha ricordato Mione – quando nei mesi scorsi avevamo proposto la soluzione del Parentucelli la preside e il presidente del consiglio di istituto Pizzuto avevano detto che non era possibile, oggi che lui è in consiglio comunale le cose sono cambiate?. Il percorso della Ponzanelli sembra dire “non ho alternative” ma poteva ragionare su sistema dei moduli noleggiandoli e mettendo in sicurezza tutti”.

Un'ipotesi questa presa in considerazione anche nel corso del sopralluogo effettuato alle Poggi-Carducci dalla maggioranza con il presidente Toti, nel quale erano emerse le criticità legate principalmente ai costi e ai tempi per una gara.
“Dopo quella visita avevo parlato con l'assessore regionale Scajola – ha detto in proposito il consigliere regionale Battistini – il quale mi aveva risposto “la situazione è indecente e la scuola non è in condizioni ottimali”. Questa emergenza si era già delineata l'anno scorso, la Regione è in ritardo”.

Per l'associazione sono quindi intervenuti anche i tecnici Claudia Bedini e Gianfranco Damiano. “Gli studi commissionati dal Comune – ha detto la prima – hanno individuato una stima per l'adeguamento strutturale di circa 2,5 milioni che secondo noi arriverebbero a 5 con rifiniture e ripristino. A quel punto sarebbe più interessante demolire e ricostruire un edificio totalmente a norma”. L'architetto, che ha presentato anche un nuovo progetto che coinvolgerebbe la stazione, ha osservato: “Il complesso delle Poggi-Carducci sente il peso degli anni e ha problematiche strutturali. Anche in caso di intervento la sicurezza sismica sarebbe comunque limitata e resterebbe anche il problema dell'anticendio. Inoltre la nostra città continuerebbe a non avere una struttura in grado di accogliere sfollati in caso di emergenza sismica”.

Fra il pubblico oltre alla consigliera M5S Giorgi, presente anche il presidente dell'associazione Sarzana in movimento Valter Chiappini: “L'unica soluzione percorribile sono i moduli prefabbricati – ha detto – siamo messi male in tutte le scuole, non solo le Poggi-Carducci. L'indice di vulnerabilità di Nave è 0,28, quello di San Lazzaro 0,43, il già citato Parentucelli è 0,24. Quella di Crociata non può essere una soluzione anche perché la perizia statica è stata fatta in tre giorni”. Intervenuto come genitore direttamente interessato, l'ex assessore ai lavori pubblici Massimo Baudone ha ricordato però come in alcuni edifici citati siano stati avviati lavori di adeguamento. “Non ho ricevuto la lettera inviata da Ponzanelli ai genitori – ha evidenziato – ma al di là di questo oggi speravo di incontrare lei o qualche suo delegato per avere delle risposte. La scuola di Crociata? Quando avevamo spostato lì temporaneamente i ragazzi della Lalli l'Asl ci aveva detto che erano necessari imponenti lavori di adeguamento”.
Infine una delle mamme: “Non so se mandare mio figlio a scuola pregando che non succeda nulla oppure se tenerlo a casa aspettando che il sindaco risolva la cosa. Se la struttura fosse sicura al 100% io lo manderei anche al cinema”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News