Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Giugno - ore 09.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Modifiche alla viabilità sono un primo passo, ci mettiamo la faccia"

L'assessore Torri è intervenuto all'assemblea pubblica del comitato Sarzana, che botta! per illustrare le novità su sosta e traffico.

"Modifiche alla viabilità sono un primo passo, ci mettiamo la faccia"

Sarzana - Val di Magra - Le circa tre ore di domande, perplessità e rassicurazioni (non senza scintille), hanno confermato ieri sera quanta attenzione ci sia nei confronti delle modifiche alla viabilità, alla fruizione e alla sosta del centro storico di Sarzana, che l'amministrazione metterà gradualmente in atto a partire dal prossimo 15 giugno (QUI).
L'assemblea pubblica organizzata dal comitato Sarzana, che botta! ha infatti ottenuto un'ottima partecipazione e soprattutto la presenza dell'assessore alla viabilità Torri (e di rappresentati di gruppi di maggioranza) – che insieme al comandante della Polizia Locale Franzini ha lavorato alle novità stradali – il quale non si è sottratto alle tante questioni poste dai cittadini, dallo stesso Comitato e dagli esponenti politici presenti, senza rinunciare ad una replica stizzita “la prossima volta si candidi, prenda più voti e venga lei”. Ma l'esponente della giunta Ponzanelli ci ha messo la faccia per tutta la serata, sottolineando la disponibilità a prendere in considerazione eventuali modifiche a quanto già pianificato: “Abbiamo deciso di iniziare nel periodo delle scuole chiuse per un ingresso più 'dolce' per poi valutare se confermare il progetto nel giro di qualche mese”. “Qualche disagio di un singolo – ha aggiunto – porterà vantaggi a tutta la comunità, noi lavoreremo per risolverli tutti. Questo non è un piano del traffico – ha specificato – ma un nuovo disegno per mettere mano ad una situazione “a macchia di leopardo” con l'idea di soddisfare le esigenze di ogni sarzanese”.

Il comitato, dopo l'introduzione iniziale affidata all'ingegner Pambuffetti che ha riepilogato le principali novità, è intervenuto con Carlo Ruocco il quale ha consigliato “andatevi a rivedere il piano della sosta realizzato da ATC e subito rimesso in un cassetto. Lì – ha ricordato – veniva individuata come “zona critica” quella del quadrilatero fra via XX Settembre, via Muccini, via Sobborgo Emiliano e via XXI Luglio (che diventerà a senso unico a salire). Questa zona dal punto di vista dell'interesse pubblico è più importante di quella della Bradia, l'amministrazione inizi a porsi nuovamente anche il problema dell'inquinamento e della sua rilevazione”.

“La città è in crisi – ha attaccato l'architetto Damiano, Italia Nostra – e voi proponete un piano “fatto in casa” senza analisi, siamo di fronte ad uno strumento urbanistico che porterà degli effetti. Inoltre caricherete via Landinelli di ulteriore traffico nonostante la pavimentazione stia già saltando”. “Non ho capito le motivazioni che vi hanno portato ad assumere queste decisioni – ha affermato invece l'ex sindaco Forcieri – Sarzana sta vivendo una situazione di declino ed è prioritario rilanciarla, in un contesto provinciale che è più competitivo ma che offre anche maggiori potenzialità”. Quindi il segretario Pd Vico Ricci (assenti i quattro consiglieri comunali, presente Giorgi per l'opposizione) il quale ha imputato alla giunta (rappresentata anche dall'assessore Campi) di non aver studiato flussi e orari del traffico cittadino e di non aver condiviso il percorso con la cittadinanza. Residenti e commercianti intervenuti hanno poi segnalato le possibili problematiche legate all'aumento del traffico in piazza San Giorgio (dove verrà piazzata una rotonda) e in via XX Settembre, al controllo degli accessi all'area pedonale, ad eventuali disagi per gli anziani, ma hanno fornito anche proposte come l'istituzione di un senso unico in via Sobborgo Emiliano o una doppia corsia in via XXI Luglio.

“Siamo in grado di fare le cose 'in casa' – ha replicato Torri – perché ci sono persone competenti pagate per fare il loro lavoro. Per quanto riguarda via Landinelli non era più sufficiente limitarsi a fare le multe mentre via XX Settembre non è l'unica che porta in stazione, ce ne sono altre due percorribili. Le aree di carico e scarico per la zona pedonale ne saranno istituite circa una ventina a disposizione dei residenti. Soluzioni non condivise con la cittadinanza? - ha poi replicato a Vico Ricci – voi avete portato avanti il progetto del Laurina senza dire nulla, noi ci stiamo ascoltando tutti cercando di dare risposte. Questo è un primo passo, la partita nel tempo sarà più ampia e al momento non ci diamo un orizzonte temporale e siamo pronti a dire "abbiamo sbagliato" senza tirarci indietro". L'assessore continuerà ad illustrare le novità negli orari di ricevimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News