Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Aprile - ore 22.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"La 'ndrangheta combatte lo Stato con corruzione e collusione" | Foto

Dopo il corteo di questa mattina la giornata della memoria di Libera a Sarzana è proseguita con i seminari. Valerio: "Il sistema dei vincoli è lo strumento più importante per la tutela ambientale".

"La 'ndrangheta combatte lo Stato con corruzione e collusione"

Sarzana - Val di Magra - Si è conclusa al Lavoratorio Artistico la lunga giornata della memoria per le vittime innocenti delle mafie promossa da Libera che oggi ha fatto di Sarzana la capitale ligure dell'impegno per la legalità. Iniziativa che ha portato fra le vie del centro circa tremila persone per il corteo giunto poi in piazza Matteotti per la lettura dei nomi, momento più intenso di questo 21 marzo davvero significativo.

Un appuntamento che nel pomeriggio ha vissuto una seconda parte dedicata all'approfondimento con le visite guidate ai beni confiscati e riutilizzati di via Ghigliolo e Landinelli, e soprattutto con i due seminari dai quali sono emersi temi di strettissima attualità. Ad aprire l'incontro “Non solo mafie: reti criminali e corruttive in Liguria” - moderato da Stefano Busi refernete di Libera Liguria - è stato infatti l'ex procuratore di Genova Michele Di Lecce, intervenuto con Sandro Sandulli della Dia di Genova, il procuratore di Imperia Alberto Lari, il sostituto procuratore della Spezia Caporuscio e il procuratore di Genova Francesco Cozzi.

“Negli ultimi anni è esplosa per capacità di penetrazione la 'ndrangheta – ha detto Di Lecce – dalla Calabria si è estesa e radicata nei territori nazionali, sfruttando la propria capacità di introdursi nei sistemi sociali ed economici. Lo ha fatto – ha aggiunto – attraverso un metodo che solo marginalmente ha fatto ricorso alla violenza ma che usa anzi dinamiche corruttive e collusive, assumendo il controllo economico delle zone nelle quali si è allargata. La 'ndrangheta sostanzialmente rappresenta un “Non Stato” che non lotta con violenza contro lo Stato”.

Di tutela dell'ambiente e illegalità si è parlato invece ai Fondachi dove sono intervenuti il Comandante dei Carabinieri della Spezia Gianluca Valerio, il responsabile di Legambiente Liguria Santo Grammatico e il velista Giovanni Soldini, i quali sollecitati dal referente spezzino di Libera Marco Antonelli hanno affrontato argomenti strettamente legati al nostro territorio.

“Il sistema dei porti liguri continua ad essere ad alta penetrazione mafiosa – ha puntualizzato Grammatico – e non lo diciamo solo noi ma anche il dossier della Commissione parlamentare d'inchiesta. Emerge drammaticamente come i porti rappresentino vere e proprie città nelle città con una chiara difficoltà di lettura dei loro meccanismi come ad esempio la capacità di acquisire e muovere materiali e rifiuti illeciti. È impossibile non citare in questo senso Ilaria Alpi e Miran Hrovatin oppure il Capitano De Grazia, tutti uccisi perché stavano cercando la verità lavorando su questi aspetti”.

“Il problema si manifesta a più livelli – ha proseguito Soldini – dato che il modello di vita e di sviluppo globale non funziona, il Pacifico ad esempio è pieno di rifiuti di plastica. Inoltre – ha aggiunto il velista – dietro agli aspetti ambientali c'è sempre un business anche illegale e qui abbiamo l'esempio di Pitelli dove sono arrivati addirittura i bidoni di diossina di Seveso o i detriti dell'arsenale. Lo Stato non è stato in grado di gestire questa situazione”.

Sulla discarica affacciata sul Golfo dei Poeti Valerio ha evidenziato: “Nel 1991 avevamo una concezione del reato ambientale molto diversa da quella attuale, così com'era differente la nostra opinione sulla gestione dei rifiuti. I nemici non sono stati la voglia di non accertare i fatti ma la prescrizione mentre oggi abbiamo un testo unico sull'ambiente ed una diversa concezione del reato ambientale, il sistema dei vincoli è lo strumento più importante. In Italia – ha concluso siamo riusciti a trasformare in oro anche l'immondizia”.

Dissacrante, e ottimo per chiudere col sorriso una giornata per i partecipanti molto impegnativa sotto il profilo emotivo, è stato infine l'incontro della casa di cultura di via dei Giardini, dove il collega Niccolò Re e Dario Vergassola - in diretta su Radio Rogna - hanno concluso presentando il programma di un'ipotetica lista civica basata sui cardini dell'illegalità. Un'occasione per sorridere e sdrammatizzare in una giornata che avrebbe meritato una maggior presenza di amministratori di Val di Magra e provincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News