Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Aprile - ore 22.44

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Entro il 2019 il parco di Villa Ollandini tornerà ai sarzanesi"

Chiuso l'accordo con Cassa depositi e prestiti. Cavarra: "Era abbandonata al proprio destino, noi abbiamo deciso di riprenderla in mano".

il parco del futuro
"Entro il 2019 il parco di Villa Ollandini tornerà ai sarzanesi"

Sarzana - Val di Magra - Approderà nei prossimi giorni in consiglio comunale la delibera per l'adozione definitiva del progetto di ristrutturazione di Villa Ollandini e del suo straordinario parco storico. Un passaggio attesissimo dalla popolazione che entro il prossimo ann potrà riappropriarsi di una parte dell'area.
Come noto, già nel 2014 l'Amministrazione Cavarra aveva sottoscritto un protocollo d'intesa con CDDPP- Immobiliare, Cassa Depositi e Prestiti Immobiliare, proprietaria del manufatto storico, con l'obiettivo di acquisire il parco ristrutturato e i relativi fabbricati (ex-Limonaia e Casa del Custode) da destinarsi alla fruizione pubblica. Di contro CDDPP-Immobiliare avrebbe potuto avviare il progetto di ristrutturazione a fini principalmente residenziali di Villa Ollandini e dei fabbricati annessi (ex-Sert) compreso l'inserimento di un'azienda agricola a suo tempo già presente nell'area.

L'iter della pratica, lasciano intendere gli uffici, è stato tutt'altro che semplice visto il coinvolgimento dei tanti attori in campo. Nello specifico infatti, dopo il protocollo di intesa, si è trattato di attendere l'approvazione della modifica alla legge regionale avvenuta nel 2016 che ha autorizzato l'avvio delle procedure di adozione delle varianti previste. Solo successivamente, nel 2017, è stato possibile ottenere il parere favorevole della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali della Liguria e oggi, finalmente, il progetto potrà essere sottoposto all'adozione definitiva dell'assise comunale.

“Villa Ollandini - sottolinea con forza il sindaco Alessio Cavarra - anche vista la complessità burocratica, rientrava tra quelle pratiche abbandonate al proprio destino da tutte le amministrazioni precedenti. Noi, caparbiamente, abbiamo deciso di riprenderla in mano e oggi, senza rischio di smentita, possiamo affermare che entro il 2019 (ottenute le approvazioni regionali) i sarzanesi diventeranno proprietari e fruitori di uno dei parchi storici più belli della Liguria”.

Tornando alla tempestica l'iter attualmente in corso prevede, una volta ottenuto il via libera del Consiglio comunale e della Regione Liguria, che CDDPP-Immobiliare entro sei mesi, e a prescindere dagli interventi edilizi, ceda al Comune la proprietà del parco ristrutturato nonché illuminato, compresa l'ex-Limonia a sua volta risistemata, per un costo complessivo di 165mila euro.

Per quanto riguarda invece la Casa del Custode dove, alla luce della prevista destinazione pubblica sono previste importanti opere strutturali, l'intervento. Valutato in circa 250mila euro, potrà avviarsi contestualmente al rilascio del primo permesso di costruire relativo alla villa.
Nel dettaglio, come detto, l'intervento prevede: il recupero e la cessione, a titolo gratuito, al Comune del giardino storico di circa 15.000 mq e dei fabbricati esistenti, oltre alla realizzazione di un parcheggio pubblico per circa mille metri quadrati; per la parte privata il recupero dell’originaria funzione residenziale della villa e dei fabbricati connessi, anche attraverso la rimodulazione delle superfici e il recupero dei volumi esistenti, quali il sottotetto della villa, e la realizzazione di una azienda agricola, con la doppia finalità di riqualificare, mantenere e auto-sostenere una rilevante porzione di area (circa 2,3 ettari) e di incentivare la crescita di attività produttive nel campo della produzione agricola sul territorio comunale. “Abbiamo lavorato molto - dice l'assessore all'urbanistica Massimo Baudone - in stretta collaborazione con CDDDP-Immobiliare, affinché il progetto rispettasse e tutelasse tutte le caratteristiche storiche e architettoniche dell'intero compendio immobiliare. Oggi possiamo dire di aver recuperato e presto consegneremo alla città uno spazio straordinario che andrà ad accrescere la bellezza e l'attrattività del nostro splendido centro cittadino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia





Stagione virtualmente finita in casa Spezia, tempo di bilanci. Chi merita la conferma nel settore tecnico secondo i lettori?


























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News