Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Novembre - ore 20.09

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

"Biodigestore porta disagi, dobbiamo mobilitarci"

Incontro a Santo Stefano. Cucciniello: "Se facessimo compost a Saliceti non ci sarebbe bisogno del nuovo impianto". Bertolotti: "Pericoloso, lo dicono anche i dati Arpat".

RIFIUTI
"Biodigestore porta disagi, dobbiamo mobilitarci"

Sarzana - Val di Magra - "Lo scorso autunno la Provincia ha elaborato un Piano d'area di gestione rifiuti che prevede per la zona di Saliceti la realizzazione di un biodigestore anaerobico, una macchina complessa e costosa che raccoglie le biomasse e produce gas e un digestato, pari al 30 per cento della massa entrata, che, dopo un trattamento aerobico, può essere avviata alla filiera agricola". Con queste parole ieri sera Corrado Cucciniello, portavoce dei Comitati spezzini, ha inaugurato l'incontro promosso dalla Consulta della Macchia al centro sociale Ruffini di Santo Stefano di Magra, affollato da un centinaio di persone.

"Non si sa di preciso che dimensioni avrà l'impianto - ha continuato Cucciniello -, né dove sarà, ma pare che le opzioni siano due: o nell'area, quasi del tutto verde, prospicente l'esistente impianto Cdr di Saliceti, a fianco dell'autoparco, o presso i capannoni ex Barberis, ma pare che in questo caso ci siano resistenze". L'attivista ha denunciato "un problema di trasparenza e partecipazione" in merito alla vicenda e ha criticato aspramente l'attuale impianto di Saliceti (località vezzanese al confine con Santo Stefano): "Un investimento sull'incapacità dei comuni di fare la differenziata. Ora, visto che nello Spezzino la differenziata ha raggiunto buoni livelli, si va a cercare rifiuto indifferenziato fuori. Quando invece si potrebbero usare le biocelle esistenti per accogliere organico e fare compost. A quel punto si potrebbe fare a meno del progetto del biodigestore". Che per Cucciniello è soprattutto una manovra economica che, a spanne, "potrebbe fruttare 2 milioni e mezzo, se si trattasse di un impianto da 40mila tonnellate".

"In questi mesi - ha evidenziato Carla Bertolotti, presidente della Consulta - le persone che vivono attorno a Saliceti sono state contattate per vendere le loro proprietà. Cosa significa? Per fare il biodigestore spazio ce n'è, non è questo il punto. Il fatto è che si vuol togliere la gente di torno perché l'impianto può dare dei disagi. Arpat, agenzia regionale ambientale della Regione Toscana, spiega che su 83 casi di criticità ambientali sul suolo regionale, 47 sono da imputare proprio a biodigestori. Parliamo del rischio di incendi, parliamo di odori. Quando i 'palloni' dei biodigestori vengono sgonfiati per la manutenzione le persone devono subire il disagio delle emissioni odorigene, che arrivano anche dai processi fermentativi del rifiuti organico in fase di stoccaggio. E che possono viaggiare per ben due chilometri. Auguriamoci che il biodigestore non si faccia. Se ci mobilitiamo dovranno ascoltarci. Certo, non deve succedere come dieci anni fa con l'impianto Cdr di Saliceti ora esistente: c'eravamo mossi in sette gatti".

Tra gli intervenuti, anche il consigliere comunale vezzanese Tiziano Pucci (Movimento cinque stelle), che ha invitato i cittadini "a non abbassare la guardia". Tra gli esponenti politici presenti, l'ex assessore all'ambiente Angelo Zangani, ora consigliere di maggioranza, il consigliere regionale pentastellato Marco De Ferrari e Jacopo Ricciardi di Rifondazione comunista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News