Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Agosto - ore 08.00

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Verdi: "Carne di cinghiale venduta ma servono controlli fiscali e igienici"

Verdi: `Carne di cinghiale venduta ma servono controlli fiscali e igienici`

- Sarà capitato a parecchi lettori di soffermarsi a leggere i menù dei ristoranti, trattorie e sagre del nostro entroterra e quasi certamente avrete notato che sono serviti piatti a base di carne di cinghiale; or bene, sappiate che la maggior parte di queste carni, provengono dal business della caccia. Sono convinto che parecchi di voi diranno, poco importa, l’importante gustare questi piatti: no cari lettori, nessuno sino ad oggi vi ha informato che la squadra di cinghialisti, dopo avere abbattuto un certo numero di capi, li trasporta presso una propria struttura per procedere al sezionamento. Fatto ciò, si spartiscono i tagli che in seguito sono riposti in capienti congelatori.

Non credendo alla magnanimità dei cacciatori ed essendo inimmaginabile che i cacciatori e i loro famigliari si cibino di queste carni tutti i “santi” giorni, ecco che avviene un successivo passaggio, quello che definisco business, cioè la “vendita” ai ristoratori (cinghiale-capriolo). Quello che mi chiedo è: “con che modalità vengono consegnate, rilasciano la ricevuta fiscale? E quella sanitaria? Il ristoratore può servire dei piatti preparati con alimenti in precedenza congelati magari senza avendone data indicazione nei menù?”. Perché se così non fosse, inviterei la Guardia di Finanza a procedere con dei controlli fiscali, nei confronti di cacciatori e ristoratori; sempre per lo stesso motivo, inviterei anche l’Asl a verificare se le sopraccitate carni siano state sottoposte agli accertamenti sanitari, questo per evitare casi di intossicazione come è avvenuto nel 2015, dove ben 40 persone furono intossicate dalla carne di cinghiale. Altra questione che, nell’interesse di tutti, ritengo prioritaria, è quella per cui auspico che quanto prima che la Regione ripristini i controlli sulla “trichinellosi”, che non vengono più eseguiti da parecchi anni.

Angelo Spanò

coordinatore metropolitano dei Verdi Genova

Roberto Fiore
portavoce dei Verdi di La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure