Genova Post La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Novembre - ore 14.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Un secolo fa l'esordio de Il Tirreno in città

di Alberto Scaramuccia

Una storia spezzina
Un secolo fa l'esordio de Il Tirreno in città

- Ai giorni nostri è impensabile che in un centro di una qualche anche ridotta dimensione, non ci sia una testata giornalistica che informi quotidianamente di quello che succede in città. Magari sono redazioni staccate che dipendono da un centro che opera a livello nazionale, ma ci sono. E taccio dei giornali on line che per la rivoluzione informatica sono sorti come funghi: è il nostro caso.
Per questo è facile vedere chi alla mattina presto corre in edicola ad acquistare il quotidiano mentre c’è anche chi s’affaccia al computer per leggere le ultime di cronaca.
Ma una volta non funzionava così.
Lo impedivano difficoltà oggettive: dalla tecnologia non ancora all’altezza della situazione alle possibilità economiche del mercato che non aveva le risorse per sostenere un tale progetto editoriale.
Se il primo giornale spezzino esce nel giugno del 1865, dobbiamo aspettare fino alla 27 dicembre 1887 per vedere un quotidiano locale: è “La Difesa” che continua le pubblicazioni fino al luglio dell’anno seguente. Il giornale lo vuole Prospero De Nobili che da tempo ha compreso la necessità di avere un organo di stampa alle proprie spalle ed anche che al sostegno di una stampa amica deve la sua fortuna.
In verità, già nel 1873 era uscito un giornale quotidiano, ma della “Gazzetta di Spezia” si conserva un solo numero anche se Ubaldo Mazzini conferma la sua uscita giornaliera per circa un anno “meno che nei giorni successivi alla feste”.
Per un quotidiano mantenersi non era facile qua alla Spezia in tempi in cui le uscite giornaliere c’erano solo nelle grandi città.
Si dovrà aspettare fino al 10 novembre 1919 (cento anni fa esatti) perché nelle edicole si riveda un quotidiano.
È “Il Tirreno”, una testata voluta dalla Società genovese Ansaldo dei fratelli Perrone.
Ansaldo, che due anni prima aveva acquisito Fiat-San Giorgio del Muggiano, entra così decisamente sulla scena editoriale spezzina, essendo l’organo di stampa di quella grande società che già aveva cominciato a indirizzare secondo i propri interessi la cronaca locale attraverso la redazione locale de Il Secolo XIX. Ma avere un organo d’informazione alle proprie dirette dipendenze è tutt’altra cosa.
Che dire di questa testata il cui nome sarebbe diventato glorioso?
Certo rappresentava la realtà secondo i propri interessi, ma è anche onesto dire che l’oggettività non è sempre di questo mondo. Del resto, tanti pensano che la migliore forma di terzietà è dichiarare la propria parzialità: meglio partigiano confesso che neutrale falso.
In ogni caso, il Tirreno certifica il ruolo di protagonista ormai assunto dalla Spezia.

ALBERTO SCARAMUCCIA

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News