Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 19 Ottobre - ore 23.48

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Un ricordo di Belvio D'Antoni

Un ricordo di Belvio D'Antoni

- Addio a Belvio D’Antoni, musicista eccelso, dell’ambito musicale spezzino, conosciuto e apprezzato anche a livello nazionale.
Sebbene già avviato alla carriera musicale dagli anni giovanili, la consacrazione come musicista fu negli anni 60, quando entrò a far parte di una delle orchestre nazionali più prestigiose dell’epoca, quella di Armandino Rosati. Cominciò come flautista e sassofonista, ma successivamente suonò il violino, il suo strumento principale, con il quale spaziava dai semplici valzer, o mazurke, a vere e proprie esecuzioni di "tecnica" in brani tratti da Sharazade, Paganini ecc. La professione lo portò a suonare nei locali più prestigiosi di Roma e Firenze, al “il Lido dei Ciclopi” di Acitrezza fino al Casinò di San Remo.
Terminata l’esperienza con Armandino Rosati, rientrò a La Spezia suonando con l’orchestra di Beppe Parlanti e successivamente alla fine degli anni 60 entrò a far parte dell’orchestra “Paul e i Leaders” di Paolo Guastini, suonando nei più famosi locali sia della Provincia che della Versilia (Oliviero, La Capannina, Bussola, Il Lido ecc.); inoltre collaborò con i più validi musicisti spezzini del momento (Canalini, Parisi, Biso ecc.).
Alla fine degli anni ’70 confluì nel gruppo musicale “I Corsari” insieme all’amico trombettista Sergio Canalini con il quale diede origine ad una coppia di fiati formidabile e indimenticabile.
Negli anni ’80 mise insieme un nuovo gruppo i “New Leaders” con il quale suonò in tutti i più prestigiosi locali della Versilia e della Riviera.
La sua formazione musicale era prettamente classica e jazzistica, ma negli ultimi 20 anni si avvicinò a generi musicali totalmente diversi come il rock progressivo e la musica etnica mediterranea. Riuscì a calarsi perfettamente in entrambi i generi, partecipando anche come turnista ad importanti concerti al di fuori dell’ambito spezzino di rock progressivo con i G.A.S.
Una delle caratteristiche che lo hanno sempre contraddistinto era la sua precisione ossessiva e maniacale, sia nell’ esecuzione dei brani che nel modo di presentarsi al pubblico. Fu un grande maestro, amava stare con i giovani ai quali insegnava e dava consigli con esperienza e semplicità. Ha partecipato a vari spettacoli di beneficenza al Teatro Civico, e quando veniva chiamato, era subito pronto a collaborare. Amava Stan Getz, Sonny Rollins, Charlie Parker e il grande Joe Venuti, fantastico violinista jazz, che ebbe l’onore di conoscere personalmente.
Era, è e sarà sempre ricordato come raro esempio di serietà sia artistica che umana da parte di tutti i musicisti che hanno avuto l’onore e la fortuna di conoscerlo e apprezzarlo.
Ci mancherai Maestro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News