Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 17 Luglio - ore 21.50

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Un lettore: "Rifiuti e decoro? Speravo in una svolta"

La lettera di uno spezzino.

Un lettore: "Rifiuti e decoro? Speravo in una svolta"

- Avendo da sempre a cuore il problema del degrado cittadino ed essendo intervenuto sul punto in più occasioni in passato, ho apprezzato, fin da subito, che tra le priorità del Sindaco ci fosse il decoro urbano e che una delle prime decisioni adottate fosse stata quella di far partire un piano straordinario di interventi di pulizia di cui la città tutta ha un estremo bisogno.

Dal 24 di Luglio – indicata come data iniziale del nuovo corso - pensavo che avrei visto un dispiego straordinario, appunto, di mezzi e operatori a ripulire i bordi strada invasi di sacchetti di plastica, bottiglie e lattine e ogni altro genere di rifiuto, a rimuovere i sacchetti abbandonati in sinergia con l’intensificarsi della sensibilizzazione e dei controlli, anche attraverso gli amministratori di condominio, sul corretto conferimento dei rifiuti imposto dalla raccolta porta a porta.

Può essere che tutto questo si stia verificando magari in zone o lungo percorsi che abitualmente non frequento. Certamente non è ancora iniziato lungo la Variante Aurelia in tutte le sue diramazioni (un materasso sopra "Le Terrazze" fa bella mostra di sé da circa un mese), lungo la strada della Foce, non alla Chiappa e a Rebocco, non in Viale Fieschi e lungo il tratto di competenza della Napoleonica, non a Buonviaggio, non in Viale San Bartolomeo, non in Via Fontevivo, non in Galleria Spallanzani e zone limitrofe, non al Canaletto, non in Viale Italia e non sul raccordo autostradale.

In tutte queste zone io continuo a vedere carte, bottiglie e sacchetti abbandonati dai cittadini maleducati o, il che è peggio, dispersi dai mezzi della nettezza urbana, continuo a vedere conferimenti non corretti, continuo a vedere nei soliti “punti sensibili” abbandoni indiscriminati, continuo a vedere personale addetto al ritiro dei sacchetti dai cestini stradali che non si occupa di quanto fuoriuscito dagli stessi cestini o incivilmente abbandonato in loro prossimità, continuo a vedere, insomma, un servizio che, eufemisticamente, definirei approssimativo e noncurante.

Leggo di legittime aspirazioni di ritorno ai vecchi cassonetti stradali dimenticando che la soglia del 65% minimo di differenziata difficilmente si raggiunge con tale sistema (sono le statistiche a dirlo), e dimenticando, inoltre, quanto fosse ugualmente indecorosa la situazione esistente all’epoca dei cassonetti. Personalmente ritengo che l’attuale sistema, purché correttamente applicato da tutti, sia il più valido per raggiungere l’obiettivo, non solo a tutela dell’ambiente ma anche ai fini di una progressiva riduzione della Tari visto che, è bene ribadirlo, lo smaltimento del rifiuto indifferenziato ha un costo, lo smaltimento del materiale correttamente differenziato garantisce dei ricavi a beneficio di tutti. E’ innegabile che tale sistema sia impegnativo e comporti dei disagi, peraltro esattamente come qualsiasi altra attività domestica, ma non così tanto da giustificare un rifiuto aprioristico dettato da ragioni egoistiche che non meriterebbero spazio in un contesto di vita comunitaria. E’ altrettanto innegabile che tale sistema presuppone un elevato livello di senso civico, in molti totalmente assente, e tutta una serie di correttivi (capillare informazione e adeguati controlli) che a Spezia non sono mai stati attuati con la necessaria determinazione. Il problema è di ordine culturale e non riguarda i soli cittadini ma gli operatori in primis, i Vigili urbani e gli agenti ausiliari ecologici che, ufficialmente individuati da mesi, non mi risulta siano ancora operativi. Personalmente auspico che la nuova Amministrazione non ceda alla tentazione di un ritorno al passato ma sappia muoversi guardando al futuro.

In questo senso continuo a sperare che la nuova amministrazione possa rappresentare un punto di svolta che, al momento, complice spero il mese di Agosto, non sto vedendo e renda finalmente centrale nel proprio operato, così come promesso, il ripristino di condizioni generali di decoro cui ritengo di avere diritto, da cittadino e lauto contribuente che antepone il rispetto delle regole nell’interesse collettivo al più ingiustificato degli atteggiamenti egoistici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News