Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Agosto - ore 22.40

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Storia e propaganda, nel ricordo della vittoria di Idistaviso

di Alberto Scaramuccia

Storia e propaganda, nel ricordo della vittoria di Idistaviso

- Quest’oggi la rubrica fa un salto all’indietro tanto inusuale quanto vertiginoso. Scorriamo, infatti, la linea del tempo di secoli e secoli, due millenni addirittura, per approdare al 16 dopo Cristo quando si combatté sulla riva destra del fiume Weser nella bassa Sassonia, la battaglia di Idistaviso. Successe il 2 agosto ed il ritardo con cui dico dell’episodio è giustificato solo dall’affollamento degli eventi che obbliga a destreggiarsi fra le date sacrificando di qualcuno di essi la puntualità nel ricordo.
In quella data i Romani con alla testa Giulio Cesare Germanico, sconfissero la coalizione germanica guidata da Arminio. Venne così vendicata la disfatta subita sette anni prima nella foresta di Teutoburgo e Roma si riprese il controllo del confine costituito dal fiume Reno che fu barriera per i successivi secoli.
Ma che c’azzecca Idistaviso, carneade fra i luoghi, con la nostra Spezia?
È che il 2 di settembre di cento anni fa ne ricorda il 1900° anniversario Ceccardo Roccatagliata Ceccardi che per una volta trascura le predilette Apuane per celebrare l’antico evento. Lo fa al teatro che prima dei bombardamenti stava fra le vie Di Monale, Napoli e Roma e che portava più nomi: Ambrosio, Novecento, Moderno e Rossi, il proprietario.
Ceccardo parlò di quello scontro per celebrare il trionfo sulla barbarie teutonica della romanità, che diventa sinonimo di italianità. Non fu invenzione di Mussolini celebrare i fasti di Roma per rinfocolare lo spirito patriottico, quel sentire era già ben vivo nell’opinione pubblica ed ogni cosa era buona per rinfocolare l’anti germanicità, da Idistaviso alla vittoria della lega Lombarda contro il Barbarossa: come dire, sono barbari, non è difficile bacchettarli. I sentimenti antitedeschi erano presenti nel Paese ben prima che Roma dichiarasse guerra a Berlino il 27 agosto del ’16, 15 mesi dopo averla notificata a Vienna. Contro la Germania i cui eserciti infierivano sui civili, s’invocano pene draconiane. Il Congresso di pace di Parigi del ’19 le adotterà e i Tedeschi furono severamente puniti, ridotti alla miseria. L’avevano meritato, ma la storia oggi critica, anche se allora le condividevano tutti, quelle misure da cui poi sortì il nazismo. Gli è che spesso la storia serve alla propaganda politica, per costruire il consenso, facilitare il controllo della polis.
Invece, la storia, specie la locale, dovrebbe contribuire a rafforzare in chi legge il senso di appartenenza al territorio. La strumentalizzazione per rinfocolare le passioni spesso impedisce di vedere bene e intorbida la vista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure