Città della Spezia Liguria News Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Febbraio - ore 23.23

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Quel sacrificio del Capitano Gandolfo censurato dalla stampa

L'incidente del luglio 1916 al molo Pagliari causò 281 vittime: saltarono in area tonnellate di esplosivo. Perse la vita anche il comandante ma per anni non fu mai raccontato pubblicamente.

Una storia spezzina
Quel sacrificio del Capitano Gandolfo censurato dalla stampa

- Pochi giorni fa Italia Nostra ha organizzato un incontro al Centro Allende sul molo di Pagliari che oggi è al centro di un dibattito: c’è chi vorrebbe ristrutturarlo, mentre l'associazione insieme ad altri ne reclama l’integrità per il valore storico che riveste dato che da lì, lo chiamarono “porta di Sion”, partirono nel ’46 le navi che portarono gli Ebrei in Palestina.
Ma già prima il molo era balzato, suo malgrado, agli onori della cronaca.
Infatti, lunedì 3 luglio 1916 si verificò, probabilmente per negligenza, un pauroso incidente che causò 281 vittime oltre a enormi danni materiali. Mentre si caricano esplosivi su vagoni sbarcandoli da un piroscafo, nascono fiamme che presto si comunicano al carico e sono ben 157 tonnellate di polveri che saltano in aria.
Intervenuto sull'episodio, ho ricordato come i primi febbrili tentativi di scongiurare il disastro furono condotti dal Capitano di Corvetta Lorenzo Gandolfo che dirigeva le operazioni. Resosi immediatamente conto del pericolo, allontana la nave da cui si scaricava e fa portar via da una locomotrice quanti più vagoni può. I carri rimasti cerca di rovesciarli in mare a forza di braccia con i suoi uomini, ma è tutto vano e Gandolfo con i suoi perde la vita.

Mantovano appena trentottenne, già encomiato da addetto alla Legazione italiana a Pechino, gli viene conferita la Medaglio d’Oro al Valor Militare con una motivazione che elogia il suo comportamento ma colloca l’incidente al molo Pirelli che era dirimpettaio a quello in cui si verifica la disgrazia. Cose note, ma il beau geste del Capitano non compare sulla stampa spezzina. Infatti, la cronaca non dice nulla sull’azione di Gandolfo, chissà se dimenticanza o ossequio alla regola che non voleva trapelassero informazioni utili al nemico.
Quando dopo poco si pubblica la lista delle vittime (se ne contano appena una sessantina, quattro volte e mezzo meno del numero definitivo), neppure in quel mesto elenco figura il nominativo del valoroso ufficiale.
Il suo nome apparirà nella cronaca locale solo nel 1929. Il 3 luglio di quell’anno, infatti, 13 anni dopo il mega scoppio, s’inaugura al cimitero dei Boschetti un grande monumento che accoglie i resti dei caduti di Pagliari e la “Rassegna Municipale”, organo del Comune, pubblica per la prima volta l’elenco integrale delle vittime. Il Nostro questa volta c’è, ma, attenzione, il cognome è storpiato in Gandolfi.
Ignoro se in seguito il Capitano di Corvetta sia riapparso sulle colonne dei giornali spezzini. Sarei felice di essere smentito, ma se è come so, rimedio ora ad una grave dimenticanza dell’informazione spezzina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia










I SONDAGGI DI CDS

Matteo Salvini ha proposto la reintroduzione della leva obbligatoria per i giovani maschi. Tu che ne pensi?
































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News