Liguria News TeleNord Genova Post Sanremo News Riviera Sport Savona News Savona Sport Città della Spezia
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Ottobre - ore 00.22

Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Google+ Città della Spezia
Instagram Città della Spezia

Mazzini, la ricollocazione dell'ancona e le polemiche

di Alberto Scaramuccia

Mazzini, la ricollocazione dell´ancona e le polemiche

- In Santa Maria, a sinistra entrando, spicca una grande pala d’altare che brilla per colori e luminosità nell'atmosfera crepuscolare e sommessa dell'antica chiesa. È l'ancona in terra cotta invetriata di scuola Della Robbia, fatta per il grande complesso francescano che era nel canalone di Fabiano. Lì rimase fino al 1863 quando, con l'arrivo dell'Arsenale, la grande pala finì a Genova.
Protestò la città e il sindaco Berzolese chiese il ritorno del capolavoro. Superata la resistenza della Lanterna, nell'agosto 1904 la preziosa tavola è riportata a casa. Era divisa in 41 pezzi dentro 12 casse riempite da trucioli e segatura ché i preziosi cimeli, quasi reliquie, non soffrissero nel trasporto. Giunti intatti, sono sistemati in Santa Maria con un’attenta ricostruzione guidata da Ubaldo Mazzini con Felice Del Santo, il pittore, e Angelo Del Santo, lo scultore.
Ci fu anche qualche polemichetta che indispettì non poco il grande Ubaldo che a difesa delle proprie virtù pubblicò sul Corriere della Spezia del 24 settembre del lontano 1904 il processo verbale delle operazioni effettuate, controfirmato dall'Ispettore dei Monumenti. Da quel documento attingiamo le notizie sulla rimessa in opera dell'antica pala.
Per il lavoro durato dal 20 agosto al 3 settembre, gli esperti si avvalsero di un operaio, tale Carraresi, per le opere murarie. Non fu cosa semplice perché l'opera aveva già subito in precedenza dei danneggiamenti a cui si era cercato di porre riparo con precedenti interventi di restauro invasivi che avevano modificato l'assetto originale della pala. In specie dove si erano verificate rotture o scheggiature, avevano ricoperto il tutto con uno spesso strato di colore e vernice che alla fine aveva coperto l'ancona.
Per questo, la maggior parte del lavoro svolto dall'Ubaldo e soci era consistito nel togliere quello strato di vernice e colore per riportare alla luce la vetrina originale della tavola. Ben dieci giorni erano stati spesi per portare a termine l'operazione, al cui termine i vari pezzi erano stati murati con grappe di bronzo perché quelle di ferro precedentemente usate avevano causato rotture e incrinature.
Infine, le fughe fra le varie parti vennero colmate con gesso scagliola, mentre l'originale predella andata persa fu sostituita da una base di marmo.
Possono sembrare notizie noiose, ma sono l'unico documento che resta di quella operazione. L'originale, custodito negli uffici P.I. del Municipio, credo sia andato perso nei bombardamenti, Fortuna che si conservano in rete gli antichi periodici, archivio che non possiamo permetterci di sottovalutare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia








































Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Direttore editoriale: Armando Napoletano.
Redazione: Thomas De Luca, Chiara Alfonzetti, Andrea Bonatti, Niccolò Re, Matteo Cantile, Benedetto Marchese, Andrea Fazi.
Editorialisti: Salvatore Di Cicco, Paolo Carafa, Giorgio Pagano, Alberto Scaramuccia e Piero Donati.
Fotografo: Stefano Stradini.

Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure