Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Settembre - ore 18.11

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Lettera: "Scuola di Arcola, non cambiamo le carte in tavola"

Lettera: "Scuola di Arcola, non cambiamo le carte in tavola"

- Siamo un gruppo di genitori della scuola secondaria di Arcola e vorremmo rendere pubblica una situazione di profondo disagio ed incertezza che stanno vivendo le famiglie di questa scuola. Ad anno scolastico iniziato, senza spiegazione, è stato variato il piano organizzativo proposto inizialmente con conseguente cambio dell’orario scolastico che ha posticipato l’uscita e ha causato la perdita di tante attività pomeridiane facoltative, come il laboratorio di falegnameria, di murales, di stampante 3D ecc. che ci erano state presentate alle riunioni pre-iscrizione come attività consolidate e caratteristiche della scuola. Gli stessi laboratori, tra l’altro, permettevano di autofinanziare la scuola con il ricavato derivante dalla vendita dei lavoretti dei ragazzi, grazie al quale venivano acquistati materiali ed arredamento scolastici. Da sottolineare il fatto che molti ragazzi prendendo l’autobus di linea e con il nuovo orario hanno dovuto chiedere l’uscita anticipata, creando un disagio a tutta la classe perché interrompono le lezioni. Successivamente, grazie a una raccolta firme (circa 60 firmatari, ndr) e ad alcuni reclami scritti, il Consiglio di Istituto ha deliberato di ripristinare il piano organizzativo iniziale a partire dal 9 dicembre u.s. Ad oggi nulla è tornato come prima, addirittura, circolano voci secondo le quali è prossima un’ulteriore terza variazione al piano scolastico per l’anno in corso, con una modifica che prevede l’introduzione di pomeriggi obbligatori di natura didattica per tutte le classi della scuola secondaria di Arcola. Se i fatti venissero confermati, possiamo presupporre che trattenere i ragazzi a scuola anche nel pomeriggio, significherebbe avere un servizio mensa da pagare, senza contare i disagi dovuti alla sovrapposizione di impegni famigliari pomeridiani e rientri scolastici obbligatori, nel bel mezzo dell’anno scolastico. Questa non è la scelta fatta per i nostri ragazzi! Troviamo questa situazione preoccupante e come famiglie ci sentiamo disorientate, visto che la nuova Dirigente non ha mai fatto una riunione di chiarimento e scontente perché la scuola sta dimostrando poca credibilità. Nessuno sta prendendo in considerazione la nostra necessità di chiarimenti, neppure il Provveditorato che abbiamo messo al corrente dei fatti già da tempo. In questi tre mesi, trascorsi dall’inizio della scuola, abbiamo riscontrato una scarsa attenzione alle esigenze delle famiglie e dei ragazzi, una spaccatura all’interno dell’Istituto Comprensivo e lamentele inerenti a un clima lavorativo poco sereno che potrà comportare richieste di trasferimento e la conseguente perdita di validi insegnanti.
Perché stravolgere un sistema perfettamente funzionante che ha sempre avuto un alto numero di iscrizioni anche da residenti fuori dal nostro comune? Perché il 9 dicembre tutto è rimasto invariato, disattendendo la delibera del Consiglio di Istituto? E’ lecito che a 3 mesi dall’inizio della scuola ci sia il rischio che si passi ad un terzo orario con pomeriggi obbligatori?
Confidiamo che con questa lettera arrivino i chiarimenti dovuti alle famiglie e venga risanata la situazione al più presto.

Una rappresentanza dei genitori ISA 18

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News